PTP
I SISTEMI AMBIENTALI

I sistemi ambientali, individuati dal PTP dopo una serie di approfondite analisi e valutazioni, sono parti del territorio regionale che coprono aree omogenee di notevole estensione caratterizzate da una componente principale. Sulla base della componente principale il Piano definisce i sistemi ambientali nel modo seguente:

SISTEMA DELLE AREE NATURALI
Comprende ambiti non interessati, se non marginalmente, da attività umane che interferiscono significativamente nei processi naturali; il sottosistema dell'alta montagna comprende ambiti caratterizzati dalle cime più elevate e dalle masse glaciali complessivamente qualificanti lo specifico paesaggio montano.

SISTEMA DEI PASCOLI
Comprende parti di territorio caratterizzate prevalentemente, anche se non esclusivamente, dalle attività connesse alla conduzione degli alpeggi e dalle relative infrastrutture.

SISTEMA BOSCHIVO
Comprende ambiti in cui è prevalente la presenza di boschi e foreste, nonché delle attività ad essi collegate; vi sono incluse le aree non coperte da boschi, ma funzionalmente, ecologicamente o paesisticamente connesse con i boschi stessi, quali mayen, radure, macereti, rocce, fasce di rinaturalizzazione ed aree di rimboschimento, arbusteti, aree insediate intercluse.

SISTEMA FLUVIALE
Comprende ambiti interessati, sotto il profilo idraulico, idrogeologico, geomorfologico, ecologico e paesistico, dalle dinamiche evolutive dei corsi d'acqua; vi sono incluse, oltre alle aree ad elevato rischio di dissesto o inondazione, quelle, anche insediate od insediabili, nelle quali la disciplina degli usi e degli interventi non può prescindere dai loro rapporti specifici coi corsi d'acqua.

SISTEMA INSEDIATIVO TRADIZIONALE
Comprende ambiti caratterizzati dalla presenza di insediamenti e di attività tradizionali; nel sottosistema "a sviluppo integrato" tali ambiti sono interessati da processi di sviluppo che si innestano nell'originario contesto rurale, mentre nel sottosistema "a sviluppo residenziale" e nel sottosistema "a sviluppo turistico", i processi di sviluppo sono relativamente indipendenti da tale contesto.

SISTEMA URBANO
Comprende ambiti densamente caratterizzati dagli sviluppi urbani e dalle relative attività ed infrastrutture.

Come già anticipato, i suddetti sistemi occupano nel territorio regionale, in genere con una certa continuità, aree di grande estensione, nelle quali alle componenti principali che li caratterizzano si associano altre componenti. Così il sistema dei pascoli, pur ricomprendendo la maggior parte delle aree pascolive effettivamente esistenti o recuperabili, non ne comprende alcune che occupano porzioni intercluse o marginali in altri sistemi, e inversamente abbraccia anche aree boscate od insediate o naturali che, tuttavia, per dimensione e collocazione, non sono tali da contraddire il carattere fondamentale dato dai pascoli. Ed analogamente il sistema boschivo non comprende tutte le aree "coperte da bosco" (quali considerate dalla legge regionale n. 14 del 1978) che possono ricadere anche, marginalmente, in altri sistemi - come tipicamente quelli dell'insediamento tradizionale - ed include viceversa aree insediate, come i mayen, o coltivate, tali da non alterare il carattere fondamentale del sistema.
Un secondo aspetto che va sottolineato è il carattere indicativo e non definitivo della delimitazione che il PTP propone1 per ciascun sistema. I sistemi sono rappresentati nelle tavole di piano con colori differenziati. La relativa delimitazione dovrà essere verificata e specificata dagli strumenti urbanistici locali, anche alla luce degli aggiornamenti che si renderanno necessari in relazione a cambiamenti e evoluzioni intervenute nelle aree interessate. Ciò anche in rapporto al carattere d'indirizzi non prescrittivi che la normativa proposta esprime per quanto riguarda i sistemi ambientali. Sebbene l'articolazione in sistemi ambientali possa somigliare alla "zonizzazione" correntemente utilizzata nei piani regolatori, il suo significato normativo, ai fini della formazione dei piani stessi, è assai diverso.
Con la definizione dei sistemi ambientali, il PTP non certifica semplicemente uno stato di fatto, limitandosi a individuare esigenze e priorità, al contrario, nell'esprimere orientamenti e indirizzi, esso svolge una funzione propriamente progettuale.
L'individuazione dei sistemi e la definizione di indirizzi comportano, infatti, un atteggiamento di tipo propositivo, e quindi progettuale, che rappresenta tra l'altro uno degli elementi di forza e di novità del Piano

   
Pagina a cura dell'Assessorato territorio, ambiente e opere pubbliche © 2020 Regione Autonoma Valle d'Aosta
Condizioni di utilizzo | Crediti | Contatti | Segnala un errore