PTP
Il PTP si propone di fornire un supporto agli organi di governo della regione e degli enti locali e più in generale alla collettività, per affrontare i problemi del territorio valdostano in modo unitario sulla base di precise opzioni.
I PROBLEMI E LE RISPOSTE

I problemi da affrontare
Elettrodotto nel Vallone dell'Urtier.Dal punto di vista socioeconomico, la regione presenta segni evidenti di carenza di iniziative imprenditoriali, con una eccessiva incidenza dell'intervento pubblico a supporto di una struttura produttiva fragile in particolare nel comparto industriale ed in quello agricolo.
Lo sviluppo turistico è concentrato prevalentemente in poche grandi stazioni, per periodi brevi e con una tipologia di offerte che richiede infrastrutture ed impianti costosi e con notevoli impatti ambientali. Si tratta inoltre di un'economia fortemente coinvolta, nell'ultimo decennio, dai processi di integrazione europea che sconvolgono tradizionali assetti e equilibri e richiedono una grande capacità di rinnovamento.
Dal punto di vista urbanistico-territoriale, la regione è caratterizzata da una peculiare compresenza di fenomeni di congestione e di proliferazione insediativa (nel fondovalle e nelle grandi stazioni turistiche) e di fenomeni di abbandono e di sottoutilizzazione (soprattutto nella media montagna).
Da una parte quindi eccessiva urbanizzazione e dall'altra stato di abbandono di zone agricole e di villaggi tradizionali.
Vi è inoltre da registrare una generalizzata eccessiva dispersione dell'edificazione sul territorio. Infine è da segnalare la pesante incidenza del traffico di transito, in particolare dei camion per il trasporto di merci.
Dal punto di vista paesistico-ambientale sono presenti situazioni di dissesto idrogeologico e fenomeni preoccupanti di inquinamento e degrado del territorio. L'eccessiva infrastrutturazione ed edificazione incide negativamente sulla qualità del paesaggio ed insufficiente è la tutela e la valorizzazione del patrimonio naturalistico e dei beni culturali.

Le risposte
Il PTP si propone di fornire un supporto agli organi di governo della regione e degli enti locali e più in generale alla collettività, per affrontare i problemi del territorio valdostano in modo unitario sulla base di precise opzioni.
Il PTP affronta tali problemi indicando anzitutto il ruolo centrale di una strategia economica della "qualità totale", nella produzione agricola, artigianale, industriale e nell'organizzazione dei servizi.
Nel campo del turismo più che ad una espansione quantitativa occorre puntare ad una riqualificazione delle grandi stazioni turistiche, alla diversificazione dell'offerta (con particolare attenzione al patrimonio storico-culturale ed a quello ambientale), alla promozione di iniziative a basso impatto ambientale.
Un ruolo decisivo nell'indirizzare l'evoluzione economica della regione verso uno sviluppo sostenibile sarà svolto dagli interventi di sostegno finanziario della pubblica amministrazione che dovranno essere maggiormente selezionati e più precisamente finalizzati.
Nel campo urbanistico-territoriale occorre una distinzione più netta fra aree in cui si può costruire e aree inedificabili; favorire la ricettività alberghiera e limitare le seconde case; promuovere una mobilità più sostenibile e meno inquinante con più trasporti pubblici e meno motorizzazione privata. Infine è necessaria una significativa riduzione del traffico di transito con più accurati controlli soprattutto del trasporto di merci su strada.
Nel campo paesistico-ambientale occorre un forte impegno per la cura e la manutenzione del territorio; contenere le nuove costruzioni e favorire il recupero e il riuso dei villaggi e dei centri storici, valorizzare maggiormente il grande patrimonio dei beni culturali e delle aree naturali.


I PROBLEMI

ECONOMICI
- Carenza di iniziative imprenditoriali, eccessiva incidenza dell'intervento pubblico
- Polarizzazione del turismo su poche stazioni, per periodi brevi e con una tipologia di offerte che richiede costosi impianti di servizio
- Debolezza dei settori industriale e agricolo
- Processi d'integrazione economica europea che sconvolgono l'economia locale
- Eccessiva concentrazione urbanistica
nel fondovalle e attorno alle grandi stazioni turistiche
- Abbandono di molte aree agricole e montane
- Eccessiva dispersione dell'edificazione sul territorio
- Pesante incidenza del traffico di transito

PAESISTICO-AMBIENTALI
- Situazioni di dissesto idrogeologico
- Fenomeni di inquinamento, degrado del territorio
- Deturpazione del paesaggio per eccessiva infrastrutturazione e edificazione
- Insufficiente tutela e valorizzazione del patrimonio naturalistico e dei beni culturali


LE RISPOSTE

ECONOMICI
- Strategia di qualità nella produzione agricola, artigianale, industriale e nell'organizzazione dei servizi
- Qualificazione delle grandi stazioni turistiche e potenziamento del turismo dolce
- Selezione e finalizzazione più puntuale degli interventi finanziari della Regione

URBANISTICO-TERRITORIALI
- Più netta distinzione fra aree
in cui si può costruire e aree inedificabili
- Meno seconde case e più ricettività alberghiera
- Una mobilità più sostenibile e meno inquinante
con più trasporti pubblici
e meno motorizzazioni private
-Riduzione del traffico di transito

PAESISTICO-AMBIENTALI
- Maggior cura e manutenzione del territorio
- Maggior recupero e riuso dei villaggi
e dei centri storici e poche nuove costruzioni
- Valorizzazione dei beni culturali e delle aree naturali

   
Pagina a cura dell'Assessorato territorio, ambiente e opere pubbliche © 2020 Regione Autonoma Valle d'Aosta
Condizioni di utilizzo | Crediti | Contatti | Segnala un errore