Prodotti a base di carne

 

Prodotti agroalimentari tradizionali
Art. 8 d.l. 30 aprile 1998, n. 173
Prodotti a base di carne

 

Oltre ai più conosciuti prodotti DOP, sono numerosi i prodotti tradizionali locali a base di carne che tentano i palati ed incantano gli amanti della buona tavola. Un posto d'onore lo meritano i salumi caratteristici e le carni essiccate, delizie esclusive particolarmente stuzzicanti da condividere con gli amici, magari intorno ad un caminetto acceso.
I boudin, insaccati confezionati con sangue di maiale (o in alternativa con le barbabietole rosse), lardo, patate lesse e aromi, sono tradizionalmente abbinati in cucina con le patate rosse di montagna bollite.
Le saouseusse, salamini di carne bovina e/o suina alla quale, insieme al lardo, vengono aggiunte spezie e aromi.
La motsetta è una carne essiccata di muscolo di vacca, pecora o capra (quella di stambecco fa parte della storia, mentre è ancora possibile trovare quella di camoscio), nata dall'antica esigenza di conservare a lungo la carne per il fabbisogno invernale della famiglia. Al gusto ricorda le erbe aromatiche utilizzate insieme al sale, all'aglio e alle bacche di ginepro. La sua stagionatura può durare da un mese a un anno. Deve essere servita a fette sottili, accompagnata da pane di segale o da crostini.

 

Il teteun, altra esclusiva specialità valdostana, si ottiene dalla mammella delle bovine, posta in salamoia, pressata e fatta bollire. Viene servito sia freddo che tiepido, solitamente condito con una salsa “verde” a base di prezzemolo, olio e aglio. L'occasione più appropriata per degustarlo è la “Fèta du teteun”, che si svolge ogni anno a Gignod, la penultima domenica di agosto. Ai prodotti della gastronomia locale sono dedicate, durante la stagione estiva, numerose altre sagre tematiche che attirano migliaia di “interessati” visitatori.
La tseur achétaye è preparata con carne bovina di capi di razza valdostana, di capra o di pecora, aromatizzata e conservata in salamoia.
Il prosciutto alla brace Saint-Oyen-jambon à la braise Saint-Oyen è prodotto con la coscia suina italiana (proveniente da Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Valle d'Aosta) aromatizzata, cotta al forno a secco ed in seguito superficialmente alla brace. Il primo fine settimana di agosto, dal 1968, nel comune di Saint-Oyen si tiene la sagra gastronomica dedicata a questa prelibatezza.

 




Torna su