NOTIZIE
NOTIZIE

"Eau secours! L'eau au secours de l'homme, l'homme au secours de l'eau"

La città francese di Chamonix ha ospitato, dal 28 al 31 mag-gio 2003, il tredicesimo "Festival des Sciences de la Terre et de ses hommes", consacrato al tema dell'acqua. Per l'occasione si sono incontrati studiosi ed esperti, artisti e scrittori, professionisti dell'acqua e tutti coloro che in qualche modo, per lavoro o per passione, per necessità o per hobby, nella loro vita hanno a che fare con l'elemento acqua.
Il Festival è stato patrocinato dall'UNESCO per celebrare il 2003, Anno Internazionale dell'Acqua, e dal ministero della Gioventù, dell'Educazione Nazionale e della Ricerca; è stato sostenuto dal CNRS, dal CEA e dall'IRD e promosso, fra gli altri, dall'Espresso, da Planète Future, dall'RFI, da Sciences-et-Avenir, da Sélection del Reader's Digest, da La Croix e da Terre Sauvage.
Il programma si è svolto in un contesto privilegiato e in un clima di festa e si è articolato in uscite guidate in natura, spettacoli a sfondo scientifico, animazioni, proiezioni di filmati e tavole rotonde in cui amatori e operatori del settore si sono potuti confrontare sulle grandi problematiche legate all'acqua.
Molti i temi discussi: l'acqua nell'Universo, gli usi dell'acqua, l'immaginario sull'acqua attraverso i miti e la pubblicità, i cambiamenti climatici sull'acqua, la guerra dell'acqua,…

Il Piano Regionale delle Acque

È stato approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 347 del 03/02/03 il progetto di piano regionale delle acque, documento che definisce le linee di governo delle risorse idriche valdostane in un quadro unitario e complessivo di obiettivi, metodi e strumenti, individuando le azioni necessarie per garantire l'integrità e la fruibilità del patrimonio idrico.
Il progetto di piano prevede la messa in atto degli specifici strumenti di tutela previsti dalla normativa nazionale e regionale in materia di acque in un'ottica di risparmio delle risorse idriche e di gestione coordinata del suo intero ciclo. Nel piano il corretto utilizzo delle risorse viene perseguito, per bacino idrografico; esso definisce inoltre le azioni necessarie al raggiungimento di questi obiettivi, individuandoli con maggior dettaglio per ogni settore: adeguato equilibrio fra conservazione o ripristino di un regime idrico, usi ricreativi dell'acqua e assetto del territorio, soddisfacimento del fabbisogno per lo sviluppo economico e sociale della nostra Regione.
 

CHERS LECTEURS
Chers Lecteurs,
J’ai grand plaisir de vous saluer pour la première fois et cela compte tenu du fait que, en qualité de nouvel Assesseur au Territoire, Environnement et OEuvres Publiques, j'hérite cette belle publication.
Au fil du temps ces quelques pages ont pris de l'importance aux yeux des Valdôtains ainsi que de tous les amis qui nous lisent et nous témoignent de plus en plus de leur intérêt. Ce numéro, qui va paraître juste à cheval de deux législatures qui se juxtaposent, est donc pour moi un authentique relais que l'Assesseur Franco Vallet m’a passé, et qui m'engage à parcourir cette étape avec vous tous. Il s’agit là d’une sorte de fil rouge qui relie l'esprit
et les idées que le Gouvernement a manifestées et souhaite porter de l’avant dans son programme de législature à travers l'activité administrative des bureaux de la Région.
J’attribue à cet outil que nous avons en commun d’importantes fonctions et surtout une grande opportunité pour réfléchir ensemble à propos de la gestion de notre territoire, de façon à développer une culture qui, tout en exploitant convenablement ses ressources, s'avère respectueuse de ses caractères naturels et de notre histoire.
A tous ceux qui prennent dans leurs mains ce magazine je présente mes salutations les plus cordiales et je conclue en formulant le souhait que l’on puisse conserver à toujours l'entente cordiale qui s'est instaurée pendant ces années.

L'Assesseur
Alberto Cerise

   
Pagina a cura dell'Assessorato territorio, ambiente e opere pubbliche © 2020 Regione Autonoma Valle d'Aosta
Condizioni di utilizzo | Crediti | Contatti | Segnala un errore