Progetti di auto organizzazione familiare

Venerdì 30 settembre 2017 scade il termine per la presentazione dei progetti di auto-organizzazione familiare ai sensi della l.r. n.44/1998, che possono essere presentati da gruppi di almeno 4 famiglie residenti in Valle d'Aosta o da famiglie organizzate in forma cooperativistica o associazionistica

 

 

 

L'art. 20 della Legge regionale 44/1998 “Iniziative a favore della famiglia”,  sostituito dall'art. 29 della l.r. n. 4/2007, prevede la concessione di contributi da parte dell'Amministrazione regionale per la realizzazione di progetti formulati e gestiti direttamente da parte di famiglie organizzate anche in forma cooperativistica ed associazionistica.

I criteri e le modalità per la presentazione dei progetti sono contenuti nella deliberazione della Giunta regionale n. 1878/2007.


I progetti devono pervenire alla Struttura famiglia e assistenza economica - Loc. Grande Charrière, 40 – 11020 Saint-Christophe entro le seguenti date:

- 1ª scadenza: 31 marzo di ogni anno;

- 2ª scadenza: 30 settembre di ogni anno.

Per ulteriori informazioni, gli interessati possono rivolgersi alla Struttura famiglia e assistenza economica dell'Assessorato sanità, salute e politiche sociali (tel. 0165/527140;

E-mail: p.betti@regione.vda.itu-polfamiliari@regione.vda.it).

 

 

**********


NORMATIVA/MODULISTICA

 
I progetti di auto organizzazione familiare sono regolamentati dall'art. 20 della legge regionale 27 maggio 1998, n. 44.
 

APPROVAZIONE, DAL 01/07/2007, DEI CRITERI E DELLE MODALITA’ PER L’APPLICAZIONE DELL’ART. 20 DELLA L.R. 27 MAGGIO 1998 N. 44 RECANTE “INIZIATIVE A FAVORE DELLA FAMIGLIA”, COME SOSTITUITO DALL'ART. 29 DELLA L.R. 29 MARZO 2007, N. 4. REVOCA DELLA DGR N. 1526 IN DATA 22.04.2003.

 


 

 

 

 

NOTA

Si comunica che, in ottemperanza alle indicazioni previste dalla deliberazione della Giunta regionale n. 1952/2012 recante “Indirizzi per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari o vantaggi economici, necessari al fine del contenimento della spesa per il rispetto del patto di stabilità”, gli importi massimi finanziabili per le singole voci di spesa previsti dalla deliberazione della Giunta regionale n. 1878/2007 sono stati ridotti di dieci punti percentuali: il contributo per le voci di spesa finanziabili al 100% e all’80% è stato, perciò, ridotto rispettivamente al 90% e al 70%.

 



Torna su