Scheda Esposizione

 Scheda dell'esposizione  Catalogo  Sede espositiva

Falso Movimento
Marco Jaccond

Espace Porta Decumana - Aosta
16 Luglio 2005 - 15 Ottobre 2005
MOSTRA CHIUSA

 
Curata da Martina Corgnati, la rassegna propone alcuni cicli di opere, realizzate dall'artista valdostano Marco Jaccond nel corso dell'ultimo biennio, che rivisitano in chiave nuova il tema del viaggio esistenziale e dello spaesamento dell'uomo, argomento approfondito dallíartista in occasione delle sue recenti esposizioni al Circolo degli Artisti di Faenza e alla Galleria Silvy Bassanese di Biella. L'uomo rappresentato nei lavori di Jaccond Ť un viaggiatore smarrito nel labirinto dell'esistenza, un navigante in preda ai flutti della storia che cerca una sorta di strada che giustifichi il suo essere nel mondo. Ma se il viaggio si configura come un movimento che puÚ essere detto falso, allora tutto il discorso rimanda al tema letterario della "finzione" e il quadro, come nella mostra "Finzioni" allestita nel 1997 alla Tour Fromage di Aosta, ridiventa allegoria dello specchio dentro al quale ci si trova moltiplicati e annullati nel gioco delle immagini specchiate e specchianti in cui il molteplice e l'unitŗ si confondono.
I lavori selezionati per l'esposizione, proposti secondo una logica seriale, raccontano, sul limite ambiguo tra gioia e dolore, una storia di viandanti che si replicano spesso nei loro "doppi" e mimano il grande tema del viaggio inteso come processo conoscitivo a cui Ť difficile attribuire una direzione o una meta determinate. Si tratta principalmente di lavori su tela, alcuni di grandi dimensioni, dove la figura umana si staglia matericamente dal fondo dei supporti in lino o cotone lasciati grezzi, o trattati monocromaticamente, o stampati in digitale. L'immaginario delle tele si trova poi riproposto anche in alcune opere realizzate su carta secondo diverse procedure, come la sovrapposizione di lacerti cartacei selezionati in base a criteri compositivi, oppure collages di tessuti, vecchi documenti o giornali delle due guerre mondiali. Completa l'esposizione, infine, una serie di tondi in ferro morsurato con acido.
"L'Assessorato Istruzione e Cultura Ė sottolinea l'Assessore Charles Ė Ť lieto di dedicare a questo bravo artista della nostra Valle i suggestivi ambienti dell'Espace Porta Decumana per una personale che segna il suo ritorno a otto anni di distanza dalla sua ultima esposizione in una sede pubblica regionale. Il tema scelto questa volta da Jaccond Ť complesso e suggestivo, ricco di rimandi letterari ed artistici, che sono stati bene evidenziati nell'approfondita e partecipata indagine critica svolta da Martina Corgnati."



Torna su