SANIT└. URGENZA PS, CITTADINANZATTIVA: 6 REGIONI NON RAGGIUNGONO SUFFICIENZA CRITERI LEA

12:02 - 11/05/2023 


(DIRE) Roma, 10 mag. - "Sull'emergenza nei Pronto Soccorso le segnalazioni pi¨ ricorrenti riguardano invece riguardano l'eccessiva attesa per effettuare o completare il triage (18,9%) pronto soccorso affollato (15,4%), carente informazione al paziente o al familiare (9,8%), mancanza di posti letto in reparto per il ricovero (9,2%), mancanza del personale medico (8,7%), pazienti in sedia a rotelle o in barella lungo i corridoi per ore/giorni (7,5%)". Questi i dati del Rapporto Civico di Cittadinanzattiva relativi alla parte dedicata al pronto soccorso, presentati oggi al Ministero della Salute.

Negli ultimi 10 anni "facciamo i conti con una riduzione costante e cospicua delle strutture di emergenza: si conta una riduzione sul territorio nazionale di 61 dipartimenti di emergenza, 103 pronto soccorso, 10 pronto soccorso pediatrici e 35 centri di rianimazione; per quanto riguarda le strutture mobili negli ultimi 10 anni abbiamo avuto una riduzione di 480 ambulanze di tipo B, un incremento di sole 4 ambulanze di tipo A (ma nel 2019 il decremento rispetto al 2010 era di 34 unitÓ), un decremento di 19 ambulanze pediatriche e di 85 unitÓ mobili di rianimazione".

A livello regionale invece "vi sono delle realtÓ con delle percentuali sicuramente pi¨ esigue e sotto la media sia per la presenza di DEA sia di pronto soccorso; Ŕ l'esempio di Basilicata (22,2% di DEA e PS), Calabria (43,5% di DEA e 69,6% di PS), Molise (20% DEA e 60% PS). Anche rispetto alla tempestivitÓ nell'arrivo dei mezzi di soccorso, la situazione Ŕ peggiorata significativamente e in modo preoccupante; Ŕ il caso della Calabria in cui il mezzo di soccorso arriva mediamente in 27 minuti, Basilicata 29 minuti e Sardegna 30 minuti, quando la media nazionale Ŕ di circa 20 minuti".

Sempre dall'analisi condotta da Cittadinanzattiva, "Sono sei le regioni (erano tre nel 2019) che non raggiungono la sufficienza rispetto ai criteri LEA per la prevenzione: in particolare a Sicilia, PA di Bolzano e Calabria, che mostrano i dati pi¨ bassi, si aggiungono nel 2020 Liguria, Abruzzo, Basilicata. Vaccini. Aumentano le coperture per morbillo, varicella, meningococco c, ma diminuiscono nella stagione 2021-22 quelle per il vaccino antinfluenzale soprattutto negli anziani, la cui copertura scende di ben 7 punti percentuali rispetto alla stagione precedente (58,1%). In particolare sono la P.A di Bolzano e Trento, la Valle d'Aosta, e la Sardegna ad avere i dati di copertura pi¨ bassi. Le migliori risultano la Basilicata (68,5) e l'Umbria (68,8%). Chi mostra i dati peggiori Ŕ la P.A di Bolzano (36,1%) e Sardegna (41,2%)".

La copertura vaccinale nazionale per HPV nelle ragazze nella coorte pi¨ giovane (2009), che compiono 12 anni nell'anno di rilevazione, Ŕ al 32,22%, nessuna Regione o PA raggiunge il 95%; idem per la copertura nazionale nei ragazzi nati nel 2009 che Ŕ appena al 26,75%.

Screening oncologici. Calano nel 2020 gli inviti per gli screening organizzati:

-29% per quello mammografico, -24% per quello colorettale e per il cervicale. La riduzione negli inviti si registra soprattutto al Nord mentre in generale Ŕ al Sud che le percentuali di adesione agli stessi restano le pi¨ basse: per lo screening mammografico fanalino di coda sono Calabria (9% di adesione) e Campania (21%); per il colorettale Calabria (2%) e Puglia (5%); per lo screening per il tumore alla cervice Campania (13%) e Calabria (31%).


Notizie del giorno



Torna su