Covid: rianimatori, riformare il sistema del 118

Documento Siaarti-Aaroi-Cpar, governance unitaria e formazione
12:01 - 23/03/2021 


(ANSA) - ROMA, 23 MAR - A 30 anni dall'istituzione del 118 come numero unico per le chiamate di emergenza serve "una riorganizzazione del sistema", considerando, come ha mostrato anche la pandemia, che "la realtÓ italiana Ŕ disomogenea nello sviluppo e implementazione di modelli organizzativi integrati alle reti ospedaliere dell'emergenza e delle terapie intensive". E' la posizione espressa nel documento 'Il Sistema Extra-Ospedaliero di Emergenza Sanitaria' messo a punto dalle societÓ italiane di anestesia e rianimazione.

Secondo Siaarti (SocietÓ Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia intensiva), Aaroi-Emac (Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani) e Cpar (Collegio dei Professori di Anestesia e Rianimazione) "il ripensamento del sistema extra-ospedaliero di emergenza sanitaria deve essere guidato da standard minimi basati sui principi di appropriatezza, tempestivitÓ, equitÓ di organizzazione sul territorio nazionale e ottimizzazione delle risorse". Per riformare il sistema, secondo le societÓ scientifiche, serve una governance unitaria. Come rileva la presidente della Siaarti, Flavia Petrini, "ad oggi continuiamo a registrare una profonda disomogeneitÓ strutturale, che aumenta la difficoltÓ a fornire risposte coordinate ed efficienti all'emergenza su tutto il territorio nazionale anche in caso di maxi-emergenze, come dimostra la pandemia, che necessitano una stretta collaborazione fra i vari sistemi territoriali diversamente organizzati nelle varie Regioni". Il personale sanitario e tecnico va coinvolto nella pianificazione del modello organizzativo e della sua gestione, avviato un nuovo modello organizzativo basato su idonee competenze e sul rifiuto dell'occasionalitÓ e prevista un'adeguata formazione nell'area della medicina critica dell'emergenza, con percorsi specifici per gli infermieri. Per Alessio Vergallo, presidente dell'Aaroi, "il servizio nulla ha a che fare con la medicina di famiglia, mentre invece in troppe Regioni Ŕ svolto in convenzione attraverso un apposito settore dell'Accordo collettivo nazionale della Medicina Generale. Non Ŕ un servizio dove un medico vale l'altro, ma va affidato a medici ed infermieri appositamente formatisi". (ANSA).


Notizie del giorno



Torna su