Riserva Naturale Mont Mars

Ambiente tipicamente alpino, in condizione di elevata naturalità, con boschi e praterie, pietraie e pareti rocciose, laghi e zone umide. La riserva, racchiusa nel vallone del torrente Pacoulla, è caratterizzata dalla diffusa presenza di conche in roccia, di morfologia glaciale, disposte a gradinata, ora sede di piccoli bacini lacustri e torbiere. Le rocce in cui è scolpito il vallone appartengono al complesso dei micascisti eclogitici della Zona Sesia-Lanzo.

L'AREA PROTETTA

Gestore: Assessorato Agricoltura e Risorse naturali, Servizio aree protette
Sede: Località Amérique 127/a - 11020 Quart
Tel. 0165/527333-527325 - Fax: 0165/231810
E-mail: info-areeprotette@regione.vda.it
Sorveglianza: Stazione Forestale di Gaby - Tel. 0125/345940
Superficie: 390 ha
Altitudine: 1670 - 2000 metri
Comuni: Fontainemore
Istituzione: 1993

PUNTI DI INTERESSE

  • La riserva
    prende il nome dal Mont Mars, posto sullo spartiacque tra la Valle d'Aosta e la Provincia di Biella.
    Un sentiero lastricato parte in prossimità dell'Alpe Vargno e, attraversando tutta la riserva da ovest a est, permette di raggiungere l'alpeggio Lei Long, affacciato sulla conca che accoglie il lago omonimo, i Lacs de Barme, il Colle della Balma e, infine, il Santuario di Oropa. Su questo storico sentiero, ogni cinque anni, dal lontano 1585, si svolge la processione dei fedeli diretti al Santuario di Oropa.

  • La varietà degli ambienti
    e l'alternanza di substrati acidi e basici determinano la ricchezza floristica della riserva. Il piano subalpino è dominato dal Larice e da un sottobosco di Rododendri e Mirtilli, mentre le zone umide attorno ai laghi ospitano Carici ed Eriofori. Nel pascolo spiccano la Genziana porporina (Genziana purpurea) e l'Arnica (Arnica montana) e, attorno al lago Lei Long, il Doronico austriaco (Doronicum austriacum). Nel settore settentrionale, di natura calcarea e di non facile esplorazione, si possono osservare la Stella alpina (Leontopodium alpinum) e l'Aquilegia maggiore (Aquilegia alpina).

  • La fauna
    è quella tipica della montagna valdostana. È possibile osservare la Lepre variabile (Lepus timidus), il Camoscio (Rupicapra rupicapra), l'Ermellino (Mustela erminea) e, tra gli uccelli, l'Aquila reale (Aquila chrysaëtos), il Culbianco (Oenanthe oenanthe), la Pernice bianca (Lagopus mutus) e il Corvo imperiale (Corvus corax).

CENTRO VISITATORI

  • Centro Visitatori in località Capoluogo - Tel. 0125/832700
    Apertura estiva: 9.00 - 12.30 / 14.00 - 18.30
    Festivi e prefestivi e dal 26 luglio al 18 agosto: orario continuato dalle 9.00 alle 18.30

Situato in paese a pochi metri dalla regionale S.R.44 ( Km 9) per Gressoney-Saint-Jean, comprende un punto informativo, dove è possibile visionare filmati e fotografie dedicati alla riserva e alle tradizione del paese, ottenere dettagliate informazioni e materiali sulla Riserva del Mont Mars , sul paese di Fontainemore e sull'intera rete delle aree protette Regionali, consultare pubblicazioni naturalistiche, utilizzare la sala polivalente ove vengono svolte attività didattiche, proiezioni, conferenze, concerti, feste e mostre temporanee.

ITINERARI

L'intera area del Mont Mars è percorsa da una ricca rete di sentieri, testimoni dell'antica abilità degli abitanti nella lavorazione della pietra, di un'economia agro-pastorale basata sulla transumanza degli armenti, dei rapporti tra le valli che hanno caratterizzato l'economia alpina per millenni e della Fede che - da almeno cinquecento anni - porta gli abitanti del luogo a compiere un pellegrinaggio lungo gli antichi sentieri. Gli itinerari sono evidenziati dai segna-via ufficiali della Regione autonoma Valle d'Aosta, gialli con scritte nere.

  • Colle della Barma d'Oropa (segnavia 2)
    Percorso ogni cinque anni dai pellegrini che da Fontainemore raggiungono il santuario d'Oropa, il sentiero, dominato dal Mont Mars, attraversa boschi di larici e pini, ampi pascoli e conche in cui si adagiano numerosi laghetti glaciali. Ricca e varia è la fioritura delle numerose specie vegetali presenti alle varie quote. L'ambiente testimonia la storia geologica delle Alpi e offre panorami spettacolari e un punto di osservazione privilegiato sul massiccio del Monte Rosa.

  • Colle della Gragliasca (segnavia 2a)
    Il colle della Gragliasca mette in comunicazione la Valle d'Aosta con il Piemonte. La particolarità di questo itinerario risiede nel fatto che vi è ricchezza di calcare nelle rocce, quindi l'ambiente si differenzia nettamente da quello del resto della riserva e ospita specie vegetali rare ed interessanti. Dal colle, lo sguardo abbraccia la pianura Padana che appare vasta ed incorniciata dalla corona delle Alpi.

  • Mont Mars attraverso il Colle dei Carisé (segnavia 3)
    Il Mont Mars, con i sui 2.600m s.l.m., è la più alta montagna della bassa valle del Lys, la prima cima di rilievo che si incontra sulla cresta di confine con il Piemonte.
    L'intera riserva naturale prende nome da questa montagna che ne è divenuta il simbolo. Il sentiero parte da Coumarial, dove si può lasciare l'auto, a m. 1.450 s.l.m.. Si tratta di un percorso comodo e ben segnato con le caratteristiche scalinate di cui è ricco il territorio di Fontainemore. Si attraversa da prima un bosco di faggi e larici, quindi si prosegue attraverso tratti quasi pianeggianti e ripide scalinate, attraversando graziosi alpeggi. La pianeggiante testata del vallone dei Carisé offre un paesaggio dolce e costellato di pozze d'acqua in cui si specchiano i radi larici e i cembri abbarbicati sulle circostanti ripide balze rocciose. Attraverso il colle de Carisé, riconoscibile dalla croce in legno, si raggiunge il rifugio Coda. L'ultimo tratto di sentiero che porta al Mont Mars è stato attrezzato con corde fisse ed è percorribile da escursionisti di media abilità.

COME ARRIVARCI

  • In auto
    Pont-Saint-Martin. Strada regionale per Gressoney. Comune di Fontainemore, frazione Pillaz.

 



Retour en haut