Tutela della flora in Valle d'Aosta

 

 

La protezione della flora in Valle d’Aosta

La Regione Autonoma della Valle d’Aosta è da sempre stata attenta alla protezione degli habitat alpini e delle biodiversità con Leggi mirate alla loro salvaguardia.

Una delle prime Regioni in Italia, la Valle d’Aosta si dota già dal 1977 di specifiche leggi di salvaguardia tra le quali spicca la Legge Regionale n. 17 del 31 marzo 1977 a “protezione della flora alpina”.

La particolare conformazione della Valle d’Aosta fa sì che la sua vegetazione conti di circa 2000 specie diverse a fronte delle circa 5600 specie vegetali presenti in tutta Italia e catalogate.

La coscienza dell’importanza di questa particolare ricchezza di flora e di ambienti alpini, ha spinto l’amministrazione regionale a dotarsi di una nuova e più mirata legge per la “tutela e la conservazione della flora alpina” la Legge Regionale n. 45 del 7 dicembre 2009.

La legge regionale n. 45/09 vieta la raccolta delle specie di flora alpina particolarmente protetta e la regolamenta per le specie più comuni e le specie officinali.

 

Novità della nuova legge è la regolamentazione della raccolta dei frutti di bosco che in natura hanno grande importanza nella catena alimentare per diverse specie di animali, diventando così preziosi nell’ecosistema alpino.

 

 

 



Torna su