Fête de la Vallée d'Aoste 2010

 

La Festa della Valle d'Aosta, giunta ormai alla sua quinta edizione, avrà luogo anche quest'anno ad Aosta da lunedì 30 agosto a martedì 7 settembre. Durante questi dieci giorni di festa, organizzati dalla Presidenza della Regione e dall'Assessorato regionale dell'istruzione e cultura, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio, il Comune di Aosta, il Celva, la Chambre Valdôtaine e con il supporto della Fondazione CRT, è stato ideato un programma di eventi particolarmente ricco. Si comincia con il Collège d'études fédéralistes, per proseguire con il Festival des peuples minoritaires, nel corso del quale gruppi musicali provenienti da altre regioni caratterizzate da particolarismi etnici e linguistici animeranno tre giornate. Sempre nel capoluogo valdostano si terrà la VIIe Fête valdôtaine et internationale des patois, novità di questa edizione della Festa della Valle d'Aosta, che proporrà tavole rotonde, esposizioni, momenti enogastronomici, la Santa Messa in patois, visite guidate e animazioni, nonché uno spettacolo teatrale dedicato alla figura dell'Abbé Jean-Baptiste Cerlogne, poeta “patoisant”.

Come sempre, anche quest'anno, gli artisti di strada saranno presenti nel centro storico di Aosta durante il weekend e daranno vita, nella serata di sabato 4 settembre, alla Veillà des Artistes.

Lunedì 6 settembre sul palco di Piazza Chanoux si esibiràClaudio Baglioni, mentre la giornata di martedì 7 vedrà il culmine delle celebrazioni con la consegna al Teatro romano delle onorificenze di Amis de la Vallée d'Aoste e Chevaliers de l'Autonomie. La prima conferisce la cittadinanza regionale onoraria a personalità, italiane o straniere, che con la loro presenza o la loro opera hanno dato prestigio alla Valle d'Aosta. La seconda viene assegnata a cittadini nati o residenti in Valle d'Aosta che si sono distinti per particolari meriti nel campo dello sport, della cultura, delle scienze, delle arti, dell'economia, della politica o del sociale. Durante la cerimonia, interverrà il Presidente della Regione Augusto Rollandin. A chiudere l'appuntamento saranno le note di Montagnes Valdôtaines: l'inno ufficiale della Valle d'Aosta sarà proposto dalla cantante valdostana Maura Susanna accompagnata dal musicista Andrea Dugros che con il Centre Musique Aosta ha realizzato il cd Aria nuova, iniziativa di beneficenza a favore delle popolazioni dell'Abruzzo colpite dal terremoto. La serata del 7 settembre vedrà, in Piazza Chanoux, l'esibizione in concerto della cantante Elisa.

 

  


 

L'edizione 2010 della Festa della Valle d'Aosta è dedicata alla solidarietà per le popolazioni dell'Abruzzo colpite dal sisma. Facendo seguito alle iniziative già intraprese dalle Amministrazioni locali e da varie Associazioni di volontariato a favore del Comune di Lucoli
Nelle varie giornate della festa e nel corso dei diversi appuntamenti saranno raccolti fondi destinati a iniziative a favore dei terremotati.

 

 


 

Festival des peuples minoritaires

C'est le 1er septembre que s'ouvre à Aoste la deuxième édition du Festival des peuples minoritaires, organisé par l'Assessorat de l'éducation et de la culture de la Région autonome Vallée d'Aoste. Par le biais de cette manifestation, ce dernier contribue à la restitution du patrimoine immatériel de ces communautés qui se distinguent par leurs caractéristiques, qui entretiennent de longue date un rapport privilégié avec leur territoire et qui valorisent leur langue et leurs traditions. Le Festival vise à créer en Vallée d'Aoste un forum permanent de tous les peuples frères ; à définir les difficultés des minorités linguistiques ; à cerner une « nouvelle Europe des peuples » ; à parvenir à se faire entendre des institutions européennes et à préserver l'identité d'une communauté, de manière à ce qu'elle évolue au rythme de la vie moderne. Après avoir invité les peuples corse, basque et occitan, cette année, Aoste accueillera les Ladins, les Bretons et les Catalans.

Musique

Les trois soirées musicales offriront au public l'occasion de rencontrer les peuples invités et d'apprécier le message artistique des groupes participants, avec leurs différents styles et contenus. Aux côtés de ceux-ci, une importante participation de groupes valdôtains.

Forum

Trois tables rondes ouvertes au grand public réunissant des personnalités institutionnelles, des historiens, des écrivains et des professeurs universitaires issus des peuples invités.

Cinéma

Cinq films provenant des communautés ladine, bretonne, catalane et valdôtaine, où les thèmes du voyage et de la mémoire, de la résistance aux modes et à la globalisation et de la découverte d'un paysage (humain et géographique) seront abordés avec le regard qui est propre au cinéma documentaire.

 

Fête valdôtaine et internationale des patois

Du fait de sa position frontalière, la Vallée d'Aoste a toujours été un carrefour de cultures. Pendant deux jours, les 4 et 5 septembre, sa vocation de trait d'union reprendra la première place et la langue de coeur des Valdôtains – le patois – sera le fil rouge de la Fête valdôtaine et internationale des patois. Pour sa septième édition, celle-ci réunira tous les patoisants de la zone francoprovençale, c'est-à-dire la Vallée d'Aoste, la Savoie, la Suisse romande et les vallées du Piémont.

Les lieux du patois

Aménagée dans la salle de l'Hôtel des États d'Aoste, l'exposition Les lieux du patois propose, du 5 septembre 2010 au 31 janvier 2011, un choix de vidéos et de photographies qui célèbrent la diffusion et la vitalité du patois dans différents contextes traditionnels. Les images du photographe valdôtain Andrea Alborno, ici présentées au public, illustrent certains moments de la vie quotidienne dont le dialecte est le grand protagoniste.

 

Collège d'études fédéralistes

Organisé les 30 et 31 août, en collaboration avec la Fondation Émile Chanoux, le Collège est destiné en particulier aux étudiants, aux enseignants, aux employés de la fonction publique et aux professionnels. Il vise à fournir aux participants une connaissance plus approfondie des questions liées au fédéralisme, en accordant une attention toute particulière à la question des minorités.

 

Festival degli artisti di strada

Anche quest'anno, per l'ottava volta, il Festival degli artisti di strada promosso dall'Amministrazione comunale colorerà il centro storico del capoluogo all'interno del programma di iniziative per la Festa della Valle d'Aosta. Per due giornate, 4 e 5 settembre, vie e piazze del cuore cittadino saranno giocosamente “invase” da mimi, clown, acrobati, saltimbanchi, mangiafuoco, trampolieri, equilibristi e tutti gli altri allegri e scanzonati interpreti delle arti circensi e di strada che si esibiranno negli angoli più suggestivi di Aosta con spettacoli e performance che stupiranno e divertiranno non solo i più piccoli. Il Festival, gemellato da alcuni anni con l'analoga iniziativa sanremese “Ratataplan”, mantiene inalterate le peculiarità che lo hanno reso, sin dagli esordi, uno degli eventi più interessanti nel panorama delle rassegne dedicate agli artisti di strada. La gratuità degli spettacoli (per tradizione gli artisti hanno solo la possibilità di “fare cappello”, ovvero chiedere un'offerta al pubblico quale espressione del gradimento), l'ampio e variegato ventaglio di proposte espressive con artisti e compagnie provenienti da tutto il mondo, il clima di festa che si respira in città, uniti alla suggestione dell'ambientazione delle esibizioni, garantiscono a residenti e turisti un'esperienza divertente e unica, come la Veillà des Artistes che anima vie e piazze del centro nella notte tra le due giornate del Festival. A tale proposito, onde permettere ai visitatori di godere al meglio del programma completo della manifestazione, l'Amministrazione ha inserito alcuni pacchetti turistici dedicati all'evento sul proprio sito Internet www.comune.aosta.it, consolidando ancor più il rapporto con il tessuto economico e commerciale cittadino.


 

Da quest'anno anche il mondo imprenditoriale valdostano, rappresentato alla Chambre valdôtaine, contribuirà a rendere speciali i giorni della Festa. In particolare, sabato 4 e domenica 5 settembre, in occasione del Festival des Peuples minoritaires, presso i gazebo allestiti nell'area Mont-Fleury, saranno presentati e commercializzati i prodotti enogastronomici della nostra regione e sarà organizzata una raccolta fondi per offrire ancora una volta la possibilità al pubblico di dimostrare la propria vicinanza alle famiglie abruzzesi colpite dal sisma dello scorso anno. Martedì 7 settembre, in attesa dell'inizio del concerto di Elisa, dalle 15.30 alle 19.30, in Piazza Narbonne ad Aosta, l'Unione Guide di Alta montagna allestirà un percorso avventura per bambini. Anche questo appuntamento sarà legato alla raccolta di offerte per la popolazione abruzzese.
Infine, dal 4 al 7 settembre, numerosi ristoratori proporranno un menu tutto valdostano al prezzo speciale di 12 euro (piatto valdostano + bicchiere di vino valdostano).
I ristoranti che hanno aderito all'iniziativa sono:

  • BRASSERIE DU COMMERCE Via De Tillier 10 Aosta
  • RISTORANTE PELERIN GOURMAND Via De Tillier 13 Aosta
  • AL BORGO ANTICO Via St. Anselmo 143 Aosta
  • VACHE FOLLE Piazza Cavalieri Vittorio Veneto Aosta
  • RISTORANTE PIZZERIA CAESAR Via Giorgio Elter 20 Aosta
  • RISTORANTE AUX ROUTIERS Loc Amerique 42 Quart
  • BISTROT DE LA GARE Piazza Manzetti 3 Aosta
  • CAFE' DU MOULIN Via Vevey 5 Aosta
  • BAR RISTORANTE ARCO D'AUGUSTO Piazza Arco D'augusto 3 Aosta
  • STEAK HOUSE Via E. Aubert 58 Aosta
  • BREAK HOUSE Via Lostan 3 Aosta

 

 

 



Retour en haut