Reclami e segnalazioni

 

Per una sintesi dei diritti e dei doveri dei passeggeri nel trasporto ferroviario regionale.

RECLAMI E SEGNALAZIONI ALL’IMPRESA FERROVIARIA

L’impresa ferroviaria affidataria del Contratto di servizio con la Regione autonoma Valle d’Aosta risponde direttamente all’utenza per tutte le problematiche concernenti l’organizzazione del trasporto ferroviario, ad es.: titoli di viaggio e loro controllo, canali di vendita, comfort, assistenza, puntualità, e informazioni sul viaggio, oltre ai servizi accessori laddove previsti (trasporto bici, bagagli e animali) nonché per quelle relative ad eventuali rimborsi ed indennizzi.

Le istanze di reclamo o di rimborso possono essere presentate tramite la piattaforma on-line oppure direttamente presso le biglietterie. Il modulo per richiedere il rimborso per rinuncia o per ritardo del treno previsti dalle Condizioni generali di trasporto può essere scaricato al seguente link.

E’ inoltre possibile presentare domanda di conciliazione on-line, necessaria in particolare per opporsi, in alternativa al ricorso al giudice civile, ai risarcimenti, rimborsi ed indennizzi proposti dall’impresa ferroviaria. (vedi pagina di assistenza).

RECLAMI E SEGNALAZIONI AL GESTORE DELL’INFRASTUTTURA


RECLAMI E SEGNALAZIONI AL GESTORE DELL’INFRASTUTTURA

Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (R.F.I.), società del gruppo Ferrovie dello Stato, è concessionaria dell’infrastruttura ferroviaria nazionale e risponde all’utenza per le problematiche relative alla linea ferroviaria Aosta - Torino, ivi comprese le stazioni e le informazioni date al pubblico a terra, così come per l’assistenza a terra dei passeggeri con disabilità (in comune con l’impresa ferroviaria) e i lavori sull’infrastruttura.

I reclami possono essere inoltrati tramite la piattaforma on-lineRFI risponde

 

SEGNALAZIONI ALL’UFFICIO FERROVIE DELLA REGIONE

La Regione, in quanto committente del Contratto di servizio, ha un rapporto diretto con Trenitalia, impresa affidataria, cui trasmette le segnalazioni pervenute dall’utenza sull’andamento del servizio. Nell’ambito del medesimo C.S. è costituita una sede ufficiale di confronto: il Comitato tecnico paritetico di gestione, che esamina i reclami a valenza generale.

La Regione si fa anche carico dell’inoltro a RFI, in quanto parte di Accordi quadro volti al miglioramento della linea, delle segnalazioni che rilevino problemi dell’infrastruttura (ad es. le stazioni).

Alla Regione - Ufficio ferrovie - possono essere presentati altresì, in alternativa all’invio diretto di cui sotto, i ricorsi all’Autorità di Regolazione dei Trasporti avverso mancate o insoddisfacenti risposte degli operatori ferroviari. In questo caso la Regione provvederà all’inoltro istruttorio all’A.R.T..

I cittadini possono contattare la Struttura aeroporto e ferrovie, committente del servizio ferroviario regionale, per segnalare disservizi tramite la seguente piattaforma.

La Regione si farà carico di inoltrare le segnalazioni pervenute all’Impresa ferroviaria e/o al gestore dell’infrastruttura.

LE SEGNALAZIONI INVIATE ALLA REGIONE NON SOSTITUISCONO I RECLAMI CHE VANNO TRASMESSI ALL’IMPRESA FERROVIARIA E AL GESTORE DELL’INFRASTRUTTURA.


RICORSI ALL’AUTORITA DI REGOLAZIONE DEI TRASPORTI (A.R.T.)

I passeggeri, in caso di mancato riscontro al reclamo o di risposta insoddisfacente da parte dell’impresa ferroviaria o del gestore dell’infrastruttura, possono rivolgersi decorso il termine di 30 giorni, o di tre mesi nei casi giustificati, all’A.R.T., tramite apposita piattaforma on-line (SiTe), oppure scaricando apposito modulo di reclamo per corrispondenza cartacea. 

L’A.R.T. può irrogare sanzioni agli operatori ferroviari (imprese ferroviarie e gestore dell’infrastruttura) per violazione delle vigenti normative eurounitarie e nazionali a tutela dei passeggeri del trasporto ferroviario di linea (per approfondimento vedere pagina di sintesi di cui sopra), ma non può condannare al risarcimento gli operatori ferroviari; pertanto in caso di prospettato danno, occorre rivolgersi al giudice civile o alle procedure di conciliazione.


 



Torna su