>>>ANSA/ A rischio dissesto idrogeologico 3 milioni di famiglie

Ispra, il 90% dei Comuni Ŕ a rischio, in alcune Regioni il 100%
17:25 - 24/07/2018 




(di Tommaso Tetro) (ANSA) - ROMA, 24 LUG - Tre milioni di famiglie, in oltre nove Comuni su 10, il 91% per la precisione, si trovano in aree a rischio idrogeologico. Tradotto il nostro Paese si scopre con un suolo sempre pi¨ fragile e sotto minaccia frane, alluvioni, allagamenti e fenomeni meteo estremi, tenendo anche presente che in queste aree 'sensibili', ad alta vulnerabilitÓ, si trovano tre milioni di famiglie. E nelle zone 'rosse', che in alcune Regioni raggiungono il 100% del territorio, vivono e lavorano circa 7 milioni di persone. La fotografia dell'Italia in pericolo, per via del territorio che perde pezzi o scivola, la scatta l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) nel nuovo rapporto 'Dissesto idrogeologico in Italia' con l'aggiornamento delle mappe dedicate al nostro Paese.

"Fare informazione in tutti i Comuni e a tutti gli abitanti credo che sia un grande passo in avanti. E' fondamentale. Questo Ŕ un lavoro che richiede molta energia - afferma il sottosegretario all'Ambiente Salvatore Micillo - nei primi cinque punti che vogliamo mettere all'ordine del giorno sull'ambiente c'Ŕ sicuramente quello di fermare il consumo di suolo, rigenerare il patrimonio edilizio esistente, e introdurre bilancio ecologico comunale".

Un racconto preoccupante quello del report che parla di "oltre un milione di persone vive in aree a pericolositÓ da frana elevata e molto elevata e pi¨ di 6 milioni in zone a pericolositÓ idraulica nello scenario medio (ovvero alluvionabili per eventi che si verificano in media ogni 100-200 anni, ndr)". I valori pi¨ elevati di popolazione a rischio si trovano in Emilia-Romagna, Toscana, Campania, Lombardia, Veneto e Liguria. In nove Regioni ci sono il 100% dei Comuni a rischio idrogeologico (Valle D'Aosta, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Molise, Basilicata e Calabria); l'Abruzzo, il Lazio, il Piemonte, la Campania, la Sicilia e la Provincia di Trento hanno percentuali di Comuni a rischio tra il 90% e il 100%. Secondo il report "aumenta la superficie potenzialmente soggetta a frane (pi¨ 2,9% rispetto al 2015) e quella potenzialmente allagabile nello scenario medio (pi¨ 4%). Il 16,6% del territorio nazionale Ŕ mappato nelle classi a maggiore pericolositÓ per frane e alluvioni (50 mila chilometri quadrati). Quasi il 4% degli edifici italiani (oltre 550 mila) si trova in aree a pericolositÓ da frana elevata e molto elevata e pi¨ del 9% (oltre 1 milione) in zone alluvionabili nello scenario medio". Mentre "industrie e i servizi posizionati in aree a pericolositÓ da frana elevata e molto elevata sono quasi 83 mila, con oltre 217 mila addetti esposti a rischio. Sotto minaccia anche il patrimonio culturale italiano: nelle aree franabili ci sono quasi 38 mila beni culturali, mentre sfiorano i 40 mila i monumenti a rischio inondazione" da eventi estremi.

"Quello che mi preoccupa - conclude Micillo - Ŕ che c'Ŕ ancora una fotografia a tinte fosche, non del tutto omogenea in quanto al recupero di dati. Una delle cose che dobbiamo mettere a fuoco Ŕ proprio questa, cioŔ il miglioramento dei dati per poter poi avere una maggiore puntualitÓ delle mappe".(ANSA).


Notizie del giorno



Torna su