Scuola: Anief, primaria a 5 anni e obbligo fino a 18

Per arginare record abbandoni e neet
14:57 - 23/03/2014 


(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Anticipare la primaria quando gli alunni hanno ancora 5 anni anziché 6 ed estendere l'obbligo scolastico dagli attuali 16 fino ai 18 anni di etā: a proporlo č l'associazione sindacale Anief dopo la pubblicazione degli ultimi allarmanti dati sull'alto numero di abbandoni precoci degli studi, dell'innalzamento della disoccupazione giovanile e dei Neet. Gli ultimissimi numeri sui giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano sono quelli di un "esercito" che si allarga di mese in mese: ormai sono oltre 2 milioni 250 mila, pari al 24%.

In Sicilia, Campania, Calabria e Puglia i dati pių allarmanti con punte del 45% di studenti che non arrivano al diploma. E la "forbice" rispetto all'Ue si allarga: solo Grecia e Bulgaria hanno pių Neet di noi. Per il sindacato non c'č pių tempo da perdere: si estenda l'istruzione a 13 anni e si apra all'alternanza scuola-lavoro. Cosė si agirebbe su quel 36% di giovani che oggi non si iscrivono ad un corso di laurea e non lavorano. Recuperando i 50mila 15enni che ogni anno lasciano i banchi proprio quando cade l'obbligo di frequenza. Per chiudere il cerchio, conclude Anief, urge poi una riforma dei centri d'impiego e di formazione adulti.(ANSA).


Notizie del giorno



Torna su