Bando di concorso per l'assegnazione di borse di studio a studenti valdostani per frequentare percorsi di I.T.S. e I.F.T.S. fuori dal territorio regionale

STUDENTI IMPEGNATI IN VARIE ATTIVITA'



Per l'anno formativo 2021/2022 è bandito un concorso per l'assegnazione di di borse di studio per la frequenza, da parte di studenti residenti sul territorio regionale, di percorsi di Istituti Tecnici Superiori (I.T.S.) e di corsi del sistema dell'Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.) organizzati al di fuori del territorio regionale.

PER INFORMAZIONI è POSSIBILE SCRIVERE A: formazionefse@regione.vda.it specificando nell'oggetto "borse di studio its e ifts"

 

 
REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE
Possono partecipare al concorso gli studenti che:
  1. sono residenti in Valle d'Aosta alla data di presentazione della domanda;
  2. hanno conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado;
  3. nell'anno formativo 2021/2022:
    • siano iscritti alla prima o seconda annualità di percorsi di Istituti Tecnici Superiori (percorsi I.T.S.) ovvero a corsi del sistema dell'Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.) organizzati al di fuori del territorio regionale;
    • nel caso di iscrizione alla seconda annualità, siano in regola con la frequenza minima obbligatoria del percorso prescelto.
IMPORTO DELLE BORSE DI STUDIO E MODALITÀ DI EROGAZIONE
L'importo del contributo, al lordo delle eventuali ritenute di legge, è composto da:
  • una componente fissa, pari a 3.000 euro;
  • una componente variabile a rimborso forfettario delle spese di vitto e alloggio e determinata nelle misure indicate nella seguente tabella:
Regione in cui si svolge la formazione Importo forfettario per la copertura delle spese di alloggio Importo forfettario per la copertura delle spese di affitto Importo forfettario totale
Provincia autonoma di Bolzano 1.153,94 252,45 1.406,39
Provincia Autonoma di Trento 788,70 320,93 1.109,63
Liguria 741,25 407,41 1.148,66
Piemonte 695,62 521,52 1.217,14
Lombardia 1.229,98 502,26 1.732,24
Veneto 700,07 416,04 1.116,11
Friuli Venezia Giulia 703,65 616,19 1.319,84
Emilia Romagna 967,41 514,94 1.482,35
Toscana 1.227,68 200,21 1.427,89
Marche 601,19 480,95 1.082,14
Abruzzo 578,51 433,27 1.011,78
Umbria 628,23 641,87 1.270,10
Lazio 1.229,68 596,60 1.826,28
Campania 930,19 298,90 1.229,09
Molise 519,08 638,86 1.157,94
Basilicata 684,62 205,47 890,09
Puglia 607,95 440,97 1.048,92
Calabria 575,50 487,71 1.063,21
Sicilia 988,35 359,11 1.347,46
Sardegna 600,62 256,27 856,89


La componente variabile è così definita dal Regolamento delegato (UE) n. 2017/2016  quantificazione della tabella della Commissione del 29/08/2017 (Allegato VI – tab. 3.2 “Spese di >alloggio interregionali (per più di 600 ore)” e tab. 3.3. “Spese di sostentamento interregionali (per più di 600 ore)”. La quantificazione di tali tabelle è stata effettuata a partire dall’esperienza del progetto nazionale “Catalogo interregionale Alta Formazione 2013” che prevedeva la frequenza di percorsi formativi. Le indennità identificate si intendono a copertura di tutte le spese di vitto e alloggio previste nell’ambito della durata del percorso formativo frequentato dall’allievo e sono erogate una tantum.
I benefici della componente fissa sono considerati, ai sensi dell'art. 50, comma 1, lettera c) del Testo Unico Imposta sui redditi, redditi assimilati a quello di lavoro dipendente.
I benefici della componente variabile, in applicazione dell'art. 51, comma 5, del T.U.I.R. e della Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 248/E del 17 giugno 2008, non sono soggetti a tassazione poiché rientranti nel limite giornaliero di € 46,48.


Entro 30 giorni dall'adozione del provvedimento del dirigente della Struttura Politiche della formazione verrà disposto nei confronti dei richiedenti idonei il pagamento di un importo pari al 60% dell'importo del contributo. 

A seguito della verifica delle dichiarazioni rilasciate, nei termini previsti, verrà erogato ai richiedenti idonei il restante 40%.

La graduatoria degli idonei sarà determinata sulla base dell'ordine di presentazione della domanda, a seguito della verifica del possesso dei requisiti. A seguito dell'adozione del provvedimento del dirigente della Struttura Politiche della formazione, gli idonei, i non idonei e gli eventuali esclusi riceveranno una comunicazione scritta.

TERMINI E MODALITÀ PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Ai fini dell'ammissione ai benefici, lo studente interessato deve presentare la domanda, previo versamento della marca da bollo, all'Assessorato Sviluppo economico, formazione e lavoro, Dipartimento Politiche del Lavoro e della Formazione, Struttura Politiche della formazione sita in Aosta, piazza della Repubblica 15, entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 15 ottobre 2021, pena l'esclusione.La domanda deve essere compilata sull'apposito modulo presente in fondo alla pagina, e può essere inoltrata:
  • tramite messaggio di posta elettronica, all'indirizzo formazionefse@regione.vda.it ; la domanda e i relativi allegati devono essere trasmessi in formato PDF.
    L'oggetto del messaggio di posta elettronica deve contenere i seguenti dati :
    Cognome e Nome del beneficiario - Borse di studio ITS-IFTS 2021.
    Esempio: Rossi Mario - Borse di studio ITS-IFTS 2021.
  • tramite PEC all'indirizzo politiche_lavoro@pec.regione.vda.it, con le stesse modalità del messaggio di posta elettronica.

Nel modulo di domanda lo studente deve:
  1. indicare la tipologia del corso per il quale viene effettuata la richiesta e l'annualità;
  2. indicare la denominazione e l'indirizzo dell'Università / dell'Istituto / dell'Ente che ha attivato il percorso;
  3. indicare la durata legale del percorso;
  4. dichiarare il possesso del diploma di scuola secondaria di secondo grado, indicandone i riferimenti;
  5. dichiarare che, in caso di ritiro dal percorso durante l'anno formativo 2021/2022, si impegna a rispettare le disposizioni che disciplinano le rinunce e la restituzione del contributo;
  6. dichiarare di essere disponibile a collaborare con l'Amministrazione regionale alle attività di valutazione e monitoraggio dell'iniziativa, fornendo le informazioni eventualmente richieste mediante questionari da compilare on line o interviste telefoniche;
  7. allegare copia della quietanza di avvenuto pagamento dell'imposta di bollo, pagamento da effettuare accedendo alla piattaforma regionale dei pagamenti nella sezione "Pagamenti OnLine" (clicca qui per accedere) selezionando la tipologia "Imposta di bollo su istanza". La causale da inserire al momento del pagamento è: "Istanza borse di studio ITS/IFTS 2021";
  8. fotocopia di un documento d'identità personale in corso di validità del richiedente;
  9. modulo di richiesta relativo alle detrazioni d'imposta anno 2021, debitamente compilato e sottoscritto;
  10. lettera di ammissione alla prima o seconda annualità, o analogo documento, debitamente sottoscritto dall'Università /Istituto / Ente che ha attivato il percorso, comprovante l'ammissione al corso;
  11. in caso di richiesta di borsa di studio per la seconda annualità, lettera dell'Università /Istituto /Ente che attesti il raggiungimento della frequenza minima obbligatoria da parte del richiedente del percorso prescelto nel corso della prima annualità
ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALLA PUBBLICAZIONE DELLE GRADUATORIE A CURA DEGLI ASSEGNATARI DELLA BORSA
Alla conclusione dell’attività formativa oggetto dell’istanza, e comunque entro il giorno 15 ottobre 2022, i richiedenti idonei devono presentare, pena la revoca della borsa di studio, alla Struttura competente:
- il titolo di studio conseguito al termine del percorso formativo oggetto della presente misura, ottenuto al termine dell’anno formativo 2021/2022,
oppure
- nel caso di percorsi articolati su più annualità, dichiarazione dell’Università/dell’Istituto/dell’Ente che ha attivato il percorso che attesti che lo studente ha ottenuto la frequenza minima prevista per il superamento dell’anno formativo oggetto del finanziamento di cui al presente bando.
MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E DISCIPLINA DELLE RINUNCE IN CORSO
In relazione al carattere sperimentale della misura, l’Amministrazione regionale metterà in campo azioni di monitoraggio e valutazione connesse all’erogazione delle borse di studio, promuovendo anche indagini di follow up ed interviste telefoniche nei confronti degli assegnatari delle borse di studio , per verificare il livello di gradimento e le ricadute occupazionali, derivanti dalla frequenza dei singoli percorsi formativi.
In caso di ritiro dal percorso durante l’anno formativo 2021/2022, lo studente si impegna a darne comunicazione all’Amministrazione regionale entro 15 giorni lavorativi e a restituire una quota della borsa di studio determinata come descritto, maggiorata degli interessi legali ai sensi dell’art. 1284 c.c e così precisamente:
  • a) se il ritiro avviene prima di aver frequentato il 50% delle ore previste per l’anno formativo, la quota da restituire ammonta al 50% dell’acconto ricevuto;
  • b) se il ritiro avviene dopo aver frequentato il 50% delle ore previste per l’anno formativo, ma in numero non superiore al 70%, la quota da restituire ammonta al 30% dell’acconto ricevuto;
  • c) se il ritiro avviene dopo aver frequentato il 70% delle ore previste per l’anno formativo, l’acconto non deve essere restituito ma il saldo non verrà erogato.
La comunicazione dovrà essere corredata di una dichiarazione dell’Università/dell’Istituto/dell’Ente, che ha attivato il percorso, che attesti la frequenza dello studente In assenza di tale comunicazione, si applicherà la casistica di cui al precedente punto a).
ACCERTAMENTI E SANZIONI
Ai sensi dell’articolo 71, comma 1, del DPR 445/2000, l’Amministrazione regionale esegue controlli, a campione nella misura del 5%., e, in tutti i casi in cui vi siano dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni rese dal richiedente in autocertificazione e/o dichiarazione sostitutiva. Ove risultassero dichiarazioni mendaci, falsità negli atti, uso o esibizioni di atti falsi o contenenti dati non corrispondenti a verità, i dichiaranti incorreranno nelle previste sanzioni penali. L’Amministrazione procederà, in tali casi, alla revoca del beneficio e all'attivazione delle procedure di recupero del contributo indebitamente percepito.
COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 della legge regionale 6 agosto 2007, n. 19, si rende noto quanto segue:
  • a) Avvio del procedimento amministrativo: dal primo giorno successivo alla data di scadenza di presentazione delle domande, ossia dal 15 ottobre 2021
  • b) Organo competente all’adozione del provvedimento finale: Regione autonoma Valle d'Aosta – Dipartimento Politiche del lavoro e della formazione – Struttura Politiche della formazione;
  • c) Oggetto del procedimento amministrativo: concessione di borse di studio per la frequenza, da parte di studenti valdostani, di percorsi di istituti tecnici superiori (I.T.S.) e di corsi del sistema della istruzione e formazione tecnica superiore (I.F.T.S.), ubicati al di fuori del territorio regionale - anno formativo 2021/2022; d) Struttura: Politiche della formazione;
  • e) Soggetto responsabile del procedimento: il dirigente della Struttura politiche del Lavoro e della formazione;
    Data entro la quale deve concludersi il procedimento: 60 giorni dalla di scadenza di presentazione delle domande salvo i casi di eventuali sospensioni dei termini previsti dalla legge regionale n. 19/2007;
  • f) Ufficio presso il quale si può richiedere informazioni e prendere visione degli atti: Struttura Politiche della formazione – Piazza della Repubblica 15 - 11100 AOSTA (tel. 0165/274555.
 



Torna su