Premi

Nel corso della 1023 Fiera di Sant'Orso sono previsti i seguenti premi:

•“Premio La Saint-Ours” che verrà assegnato a un’opera di particolare rilievo appartenente a una delle categorie del settore tradizionale, esposta per la prima volta all’edizione corrente della Fiera di Sant’Orso di Aosta. Il premio sarà assegnato dall’Assessorato regionale competente in materia di artigianato di tradizione.

•“Premio Amédée Berthod” al più promettente espositore che non abbia ancora compiuto il 25° anno di età entro il 31 dicembre dell’anno precedente la manifestazione. L’elenco degli espositori idonei è predisposto dalla Struttura attrattività del territorio, internazionalizzazione e artigianato di tradizione e il premio è assegnato su indicazione dell’IVAT. 

•“Premio Robert Berton” al più anziano (d’età) espositore non premiato negli ultimi 5 anni. Il premio è assegnato d’Ufficio dall’Assessorato regionale competente in materia di artigianato di tradizione. 

•“Premio Nozze d’Oro con la Fiera” agli espositori che partecipano alla manifestazione da almeno 50 anni, su segnalazione degli interessati all’atto dell’iscrizione alla Fiera. Il premio è assegnato d’Ufficio dall’Assessorato regionale competente in materia di artigianato di tradizione. 

• Premio miglior allestimento banco espositivo della Fiera di Sant’Orso. Il premio è assegnato su indicazione dell’ Assessorato regionale competente in materia di artigianato di tradizione. 

•“Premio Pierre Vietti”, a cura del Comité des Traditions Valdôtaines, su specifico tema prescelto dal Comité. Tutti gli artigiani del settore tradizionale, cui è destinato il premio, riceveranno comunicazione specifica concordata con il Comité in ordine alla descrizione del tema e alle modalità di partecipazione.

•“Prix pour avoir préservé les techniques artisanales traditionnelles dans la fabrication d’outils agricoles à remettre en valeur aujourd’hui”. Il premio è assegnato su segnalazione dell’Assessorato regionale competente in materia di agricoltura.

•“Premio Carlo Jans” al corso regionale più meritevole per l’apprendimento delle tecniche di lavorazioni artigianali. Il premio è assegnato su indicazione dell’Assessorato regionale competente in materia di artigianato di tradizione. 

•“Premio Don Garino” alla migliore opera in legno a tema religioso. Il premio è assegnato dall’Associazione “Amici di Don Garino”

•“Premio Domenico Orsi”, allo scultore che attraverso la sua opera meglio riesce a rappresentare il concetto di dono. Il premio è assegnato dalla “Fondazione comunitaria della Valle d’Aosta” in memoria dello scultore Domenico Orsi. 

• Premio SAVT Foire de Saint Ours, a cura della Segreteria confederale del SAVT agli artigiani professionisti di tradizione che meglio rappresentano il mondo del lavoro per originalità e/o innovazione. 

• Premio Città di Aosta – Franco Balan, all’espositore che si è distinto nel realizzare opere caratterizzate, oltreché dalla tradizione, anche dalla ricerca e dall’innovazione. Il premio è assegnato dal Comune di Aosta.

• Premio “Enfanthéâtre” conferito dal Comune di Aosta, opera scelta dai bambini spettatori del Festival teatrale valdostano Enfanthéâtre da assegnare alla compagnia vincitrice della rassegna 2022/2023. L’organizzazione della cerimonia di premiazione è effettuata dalla Struttura attrattività del territorio, internazionalizzazione e artigianato di tradizione, a seguito delle comunicazioni che individuano i vincitori di ogni premio a cura dell’organo competente. 

Per informazioni relativi ai premi è possibile contattare l'ufficio della Struttura Attrattività del territtorio, internazionalizzazione e artigianato di tradizione - Piera Squillia 0165 274526

 

 

Artigianato di tradizione



Torna su