Compatibilità intervento edilizio aree vincolate L.R. 11/1998 vincolo idrogeologico e idraulico

Procedimenti amministrativi relativi alla realizzazione di interventi edilizi:

in ambiti inedificabili (definiti ai sensi della L.R. n. 11/1998 e s.m.i.) per le seguenti tipologie: zone umide e laghi (art. 34), terreni sede di frane (art. 35), terreni a rischio di inondazione (art. 36), terreni soggetti a rischio di valanghe e slavine (art. 37);

in zona sottoposta a vincolo idrogeologico ai sensi del R.D.L. n. 3267/1923;

subordinati al rilascio dell'autorizzazione idraulica.

 

Sono stati raggruppati in un unico procedimento amministrativo al quale concorrono le Strutture del Dipartimento programmazione, difesa del suolo e risorse idriche competenti per le diverse materie:

  • per la realizzazione degli interventi edilizi in aree gravate da vincoli per rischio di frana, di inondazione e di colata detritica ai sensi degli articoli 35 e 36 della L.R. N. 11/1998 i tecnici della Struttura Assetto del territorio e per l’art. 37 della l.r. 11/1998 (aree soggette a rischio valanga) i tecnici della Struttura assetto idrogeologico dei bacini montani;
  • per l’autorizzazione idraulica ai sensi del R.D. 523/1904 (esecuzione degli interventi in alveo e/o sulle superfici appartenenti al demanio idrico) la Struttura affari generali, demanio e risorse idriche
  • per il vincolo idrogeologico di cui al R.D. 3267/1923 la Struttura attività geologiche.

Le diverse Strutture del Dipartimento programmazione, difesa del suolo e risorse idriche effettuano un'istruttoria congiunta al fine di pervenire ad una valutazione coordinata e multidisciplinare della documentazione presentata per l'emissione dei pareri e delle autorizzazioni.

 

 

Territorio e ambiente



Torna su