Credito

 

 

Nel primo semestre 2014 i prestiti bancari concessi alla clientela residente in Valle d’Aosta sono complessivamente diminuiti. La dinamica negativa è riconducibile alle imprese (-5,3%), poiché i finanziamenti alle famiglie consumatrici sono aumentati, sia pur lievemente, dello 0,5 per cento.

 

Tenendo conto non solo dei prestiti bancari, ma anche di quelli delle società finanziarie, il credito erogato al settore produttivo nei primi sei mesi dell'anno è sceso (-5,0 per cento): in particolare la flessione è divenuta meno intensa nel settore manifatturiero e nei servizi, mentre si è accentuata per le imprese edili.

 

I prestiti bancari alle aziende di medio-grandi dimensioni hanno registrato a giugno 2014 un – 6,8 per cento (-7,8 per cento a marzo 2014), mentre quelli concessi alle imprese più piccole sono passati dal -1,6 per cento di marzo 2014 a -1,2 per cento di giugno. Tra le piccole imprese, la situazione delle famiglie produttrici che vede ridursi il suo decremento da -2,1 per cento di marzo a -2,0 di giugno 2014.

 

Tra le principali branche, per i prestiti al settore manifatturiero si è ridotta la contrazione (-3,7 per cento; -15,0 a dicembre 2013); la  dinamica dei finanziamenti alle imprese delle costruzioni si è invece aggravata (-5,4 per cento contro -2,9 per cento a dicembre 2013), mentre quella dei servizi ha registrato un -5,4% a fronte di un dato pari a -5,8% a dicembre 2013.

 

Nel primo semestre del 2014 i tassi sulle nuove erogazioni a medio e a lungo termine sono lievemente diminuiti dal 4,89 per cento della fine del 2013 al 4,10 del giugno scorso. Analogo trend per i tassi d’interesse applicati dalle banche sui prestiti a breve termine, che sono passati dal 6,14 per cento di dicembre 2013 al 6,03 di giugno.

 

    

 



Torna su