Invalidità civile

Legge regionale 7 giugno 1999, n. 11 "Testo Unico in materia di provvidenze economiche a favore di Invalidi civili, ciechi civili e sordomuti" e successive modificazioni.


La Regione Autonoma Valle d'Aosta esercita tutte le funzioni amministrative a favore di Invalidi civili, ciechi civili e sordomuti, ai sensi della legislazione statale di settore.

E' considerato invalido colui che, rispetto alla maggioranza degli individui considerati "normali", ha delle difficoltà che possono essere di ordine psichico, fisico o sensoriale.
In Italia, per ragioni storiche, sono state create diverse categorie in base alla natura della menomazione, categorie alle quali corrispondono differenti trattamenti previdenziali.
Essendo l'invalidità una materia molto complessa, per la molteplicità di categorie esistenti e per il fatto che ogni ordinamento previdenziale stabilisce requisiti diversi per ottenere il riconoscimento di invalidità con le relative prestazioni, risulta necessario trattare separatamente ogni singola categoria.
Considerando il fatto che gli invalidi civili rappresentano la maggioranza delle persone con disabilità, si è scelto di trattare in maniera più approfondita solo le prestazioni legate a questa categoria.

 

Le diverse categorie

INVALIDITA' CIVILE

Viene valutata la perdita di capacità lavorativa derivante da minorazioni congenite o acquisite non dipendenti da cause di lavoro, servizio o guerra. Per i minori di 18 anni viene valutata l'eventuale difficoltà persistente a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell'età (concessione dell'indennità mensile di frequenza) o l'eventuale necessità di assistenza continua (concessione dell'indennità di accompagnamento).

A COSA PUÒ SERVIRE:
% RICONOSCIUTA
a) superiore al 34%:fornitura di protesi, ausili e rimborsi da parte del Servizio Sanitario Nazionale. La % riconosciuta deve essere correlata alla patologia che rende necessario l'ausilio.
b) superiore al 45%: possibilità di iscriversi nelle liste di collocamento riservate agli invalidi. ATTENZIONE: per iscriversi è necessaria anche la relazione conclusiva ai sensi della legge 68/99 (vedi la pagina relativa all'accertamento della "DISABILITÀ").
c) superiore al 66%: esenzione parziale del ticket per le visite mediche.
d) dal 74% al 99%: può essere erogato l'assegno mensile – € 255,13 mensili. Requisiti: non svolgere attività lavorativa (art. 35 legge 24/12/2007, n. 247 e art. 46 DPR 28/12/2000, n. 445); essere in possesso di un reddito personale complessivo annuo inferiore a € 4.382,43; età compresa tra i 18 e i 65 anni.
e) 100%: esenzione totale del ticket per le visite mediche; può essere erogata la pensione di invalidità - € 255,13 mensili. Requisiti: essere in possesso di un reddito personale complessivo annuo inferiore a € 14.886,28; età compresa tra i 18 e i 65 anni.
f) 100% con necessità di assistenza continua: viene erogata l'INDENNITA' DI ACCOMPAGNAMENTO a coloro che sono impossibilitati a deambulare autonomamente o non sono in grado di compiere gli atti quotidiani della vita. Requisiti: NON essere ricoverati in struttura assistenziale con retta a TOTALE carico del Servizio Sanitario Nazionale.

NB: le patologie indicate sul certificato medico allegato alla domanda devono essere avvalorate, in sede di visita da parte della commissione medica, da certificazioni rilasciate da medici specialisti operanti in strutture pubbliche (non possono essere prese in considerazione dalle Commissioni le certificazioni rilasciate da medici privati).

 

CECITÀ CIVILE

valuta le condizioni visive. Per potere richiedere tale accertamento bisogna avere un residuo visivo pari o inferiore a 1/20 in entrambi gli occhi anche con l'eventuale correzione delle lenti.

A COSA PUÒ SERVIRE:
VALUTAZIONE
a) cieco ventesimista:per coloro che hanno un residuo visivo pari o inferiore a 1/20: viene erogata la speciale indennità - € 180,11 mensili – e, se si è maggiorenni ed in possesso di un reddito personale complessivo annuo inferiore a € 14.886,28, la pensione - € 255,13 mensili
b) cieco assoluto: per coloro che hanno un residuo visivo pari a "0": viene erogata l'indennità di accompagnamento - € 755,71 mensili – e, se si è maggiorenni ed in possesso di un reddito personale complessivo annuo inferiore a € 14.886,28, la pensione - € 275,91 mensili

NB: le patologie indicate sul certificato medico allegato alla domanda devono essere avvalorate, in sede di visita da parte della commissione medica, da certificazioni rilasciate da medici specialisti operanti in strutture pubbliche (non possono essere prese in considerazione dalle Commissioni le certificazioni rilasciate da medici privati).

 

MINORATI AUDITIVI

valuta la minorazione sensoriale dell'udito congenita o acquisita durante l'età evolutiva che abbia compromesso il normale apprendimento del linguaggio parlato, purché la sordità non sia di natura esclusivamente psichica o dipendente da causa di guerra, di lavoro o di servizio.

A COSA PUÒ SERVIRE:
VALUTAZIONE: sordità: viene erogata l'indennità di comunicazione - € 236,15 mensili – e, se si è di età compresa tra i 18 e i 65 anni ed in possesso di un reddito personale complessivo annuo inferiore a € 14.886,28, la pensione - € 255,13 mensili


NB: le patologie indicate sul certificato medico allegato alla domanda devono essere avvalorate, in sede di visita da parte della commissione medica, da certificazioni rilasciate da medici specialisti operanti in strutture pubbliche (non possono essere prese in considerazione dalle Commissioni le certificazioni rilasciate da medici privati).

 

 



Retour en haut