Normativa

Accertamento dello stato di handicap. Legge 5 febbraio 1992, n. 104: "Legge-quadro per l'assistenza,l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate".

Si valutano le minorazioni fisiche, psichiche e sensoriali, stabilizzate o pregressive, che sono causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa.

 

A COSA PUÒ SERVIRE:

- tempi aggiuntivi alle prove di concorso, possibilità di utilizzare gli ausili necessari

- permessi lavorativi sia per i familiari sia per la persona disabile: se il disabile è riconosciuto in situazione di HANDICAP GRAVE il datore di lavoro può concedere fino a 3 giorni di permesso al mese

- diritto alla scelta prioritaria tra le sedi lavorative disponibili

- diritto alla precedenza in caso  di richiesta di trasferimento

- esenzione dalla tassa di circolazione (bollo auto) e agevolazioni IVA (per maggiori informazioni contattare l'Agenzia delle Entrate)

- servizio di accompagnamento della persona disabile fuori dalla propria abitazione per favorirne l'integrazione e la partecipazione

 

NB 1: Qualora si ritenga necessario avere l'accertamento sia dell'invalidità civile, sia dell'handicap o della disabilità si tenga presente che le richieste devono essere fatte contestualmente barrando le caselle relative nel modulo di domanda. In questo modo si evita di venire sottoposti a più visite da parte delle commissioni mediche.

 

NB 2: le patologie indicate sul certificato medico allegato alla domanda devono essere avvalorate, in sede di visita da parte della commissione medica, da certificazioni rilasciate da medici specialisti operanti in strutture pubbliche (non possono essere prese in considerazione dalle Commissioni le certificazioni rilasciate da medici privati).

 

NB 3: i soggetti ultrasessantacinquenni già riconosciuti invalidi civili al 100% con necessità di accompagnamento se richiedono l'accertamento dell'handicap (legge 104/92) allegando alla domanda le due schede valutative denominate S.V.A.M.A. (scheda per la valutazione sanitaria e scheda per la valutazione cognitiva e funzionale  delle persone adulte e anziane), compilate a cura del medico di famiglia o dal medico geriatra, possono essere valutati dalla commissione sugli atti senza necessità di essere richiamati a visita, ai sensi della deliberazione della Giunta regionale n. 1466, in data 28 maggio 2010.

Documentazione necessaria

Modulo di domanda (lo stesso modulo che è utilizzato per richiedere l'accertamento dell'invalidità) indicando con una crocetta: riconoscimento di persona handicappata ai sensi della Legge 104/92.

Certificato, in carta libera, del medico di base o di un medico specialista operante in struttura pubblica. L'istanza di accertamento ha già una parte predisposta per la redazione del certificato medico.

 

Accertamento

L'accertamento è effettuato dalla Commissione medica collegiale per l'accertamento dell'handicap (composta da un medico legale, che la presiede, da tre medici, di cui uno rappresentante di categoria designato dalle associazioni), integrata da un operatore sociale e da un medico specialista, in servizio presso l'U.S.L ed esperto nelle patologie da esaminare.

Si può essere riconosciuti persona handicappata oppure persona handicappata in situazione di gravità; le situazioni riconosciute di gravità determinano priorità nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici.

 

 

Diritto al lavoro dei disabili. Legge 12 marzo 1999, n. 68: "Norme per il diritto al lavoro dei disabili".

La presente legge ha come finalita' la promozione dell'inserimento e della integrazione lavorativa delle persone disabili nel mondo del lavoro attraverso servizi di sostegno e di collocamento mirato. 

L'accertamento delle condizioni di disabilita' è effettuato dalle commissioni di cui all'art. 4 della legge regionale 11/1999 ed è rivolta:

alle persone in eta' lavorativa alle quali è riconosciuta una riduzione della capacita' lavorativa superiore al 45%,

alle persone non vedenti o non udenti; 

alle persone invalide dal lavoro con un grado di invalidita' superiore al 33%, accertata dall'I.N.A.I.L.;

alle persone invalide di guerra, invalidi civili di guerra e invalide per servizio con minorazioni ascritte dalla prima all'ottava categoria.

 

Documentazione necessaria

Modulo di domanda (lo stesso che è utilizzato per richiedere l'accertamento dell'invalidità indicando con una crocetta: persona disabile accertamento condizioni di disabilita').

Certificato, in carta libera, del medico di base o da un medico specialista.

 

Accertamento

L'accertamento è effettuato dalla Commissione medica collegiale per l'accertamento dell'handicap (composta da un medico legale, che la presiede, da tre medici, di cui uno rappresentante di categoria designato dalle associazioni) integrata da un operatore sociale, da un medico specialista, in servizio presso l'U.S.L. ed esperto nelle patologie da esaminare, dal medico del lavoro e da un operatore dell'integrazione lavorativa.

 

A partire dal 1° aprile 2002 gli invalidi civili con una invalidita' superiore al 45% i non udenti e i non vedenti, che intendono iscriversi nella lista dei disabili ai sensi della legge 12.03.1999, n. 68, devono essere in possesso di:

Certificato della Commissione medica che attesta la diagnosi funzionale e la percentuale della riduzione della capacita' lavorativa.

Relazione  conclusiva rilasciata dalla Commissione per l'accertamento dell'handicap ai sensi della legge 104/92, integrata ai sensi della legge 68/1999, che contiene le linee progettuali per l'integrazione lavorativa ed indichi le tipologie di inserimento lavorativo.

 

 

LA DOMANDA

La domanda per l'accertamento dello stato di handicap e/o della disabilità va presentata al

SERVIZIO INVALIDITA' CIVILE dell'ASSESSORATO REGIONALE ALLA SANITA' SALUTE E POLITICHE SOCIALI


Telefono: 0165/273111- fax: 0165/274626

Orario di apertura dal Lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 14.00

Contatti:

 

E-Mail: d.bionaz@regione.vda.it - Telefono: 0165/274631

E-Mail: da.bredy@regione.vda.it - Telefono: 0165/274620

E-Mail: da.gerard@regione.vda.it - Telefono: 0165/274618

E-Mail: f.trevisan@regione.vda.it - Telefono: 0165/274619

E-Mail: i.vial@regione.vda.it - Telefono: 0165/274628

 

 



Retour en haut