Riserva Naturale Tsatelet

Area di notevole interesse geomorfologico e archeologico, con aspetti paesaggistici tipici dei versanti di bassa montagna a esposizione meridionale.

La riserva è costituita da un grande dosso roccioso che domina la piana di Aosta, posto alla confluenza della valle del torrente Buthier con quella della Dora Baltea. La morfologia, di origine glaciale, è dovuta all'azione dei ghiacciai che fino a 10 mila anni fa percorrevano le due valli. Il dosso, allungato in direzione nord ovest-sud est, corrisponde al flusso della massa glaciale che, dopo essere uscita dalla valle del Buthier, confluiva nel ghiacciaio Balteo e veniva successivamente spinta verso il Mont Mary.

L'AREA PROTETTA

Gestore: Assessorato Agricoltura e Risorse naturali, Servizio aree protette
Sede: Località Amérique 127/a - 11020 Quart
Tel. 0165/527333-527325 - Fax 0165/231810
E-mail: info-areeprotette@regione.vda.it
Sorveglianza: Stazione Forestale di Aosta - Tel. 0165/231185
Superficie: 14 ettari
Altitudine: 720 - 796 metri
Comuni: Aosta, Saint-Christophe
Istituzione: 1993

PUNTI DI INTERESSE

  • Area archeologica
    di notevole interesse in quanto sede di un insediamento tardo neolitico, databile attorno al 3000 a.C., disposto sulla sommità della collina e della relativa necropoli, situata nella sella a nord-est dell'abitato. La necropoli ospita anche tombe di tipo megalitico, dolmen, simili a quelle rinvenute nell'area archeologica di Saint-Martin-de-Corléans, ad Aosta. Un caratteristico tumulo, che gli archeologi ipotizzano essere una forma tombale dell'epoca salassa, può essere individuato dalla sommità della collina, in direzione sud, verso il Castello Jocteau.

  • La vegetazione
    è tipicamente xerofila, condizionata dalle particolari condizioni climatiche dei versanti esposti a sud, con carenza di acqua, presenza di venti disseccanti e forte escursione termica. La copertura arborea è costituita da Roverella, Pino silvestre e arbusti. Gli aridi pendii ospitano piante di origine mediterranea o steppica, come la Valeriana tuberosa o l'Achillea gialla.

  • La collina di Tsatelet
    costituisce un ottimo punto di osservazione del volo di uccelli, in particolare di alcuni rapaci e corvidi. Durante i periodi del passo migratorio è possibile osservare la Poiana, l'Astore, il Nibbio bruno e il Falco pellegrino. La riserva è frequentata anche da rettili, piccoli mammiferi e numerosi insetti.

COME ARRIVARCI

  • In auto
    Aosta. Strada per Porossan. Frazione Serod, direzione Saint-Christophe.

 



Retour en haut