Bando PASS

 

Con la deliberazione della Giunta regionale n. 1249 in data 13 settembre 2019 è stata approvata l'adesione della Regione Valle d’Aosta al Bando PASS (Programmi di Accesso a Servizi qualificati a sostegno dell'innovazione e della realizzazione di Studi di fattibilità preliminari ad attività di ricerca industriale), approvato dalla Regione Piemonte con la determina dirigenziale n. 421 del 10 luglio 2019.

 
L'adesione al Bando è stata approvata in attuazione dell’Accordo quadro stipulato tra la Regione Valle d’Aosta e la Regione Piemonte in data 29 gennaio 2016 e successivamente rinnovato in data 21 maggio 2019, in esecuzione delle deliberazioni della Giunta regionale piemontese n. 17-8582, del 22 marzo 2019 e della Giunta regionale valdostana n. 422, del 5 aprile 2019, attraverso il quale le Regioni in questione, nell’ambito dei compiti e delle funzioni attribuite loro dalle norme, hanno concordato di collaborare nell’ambito della ricerca, dell’innovazione e del trasferimento tecnologico, dando la possibilità, tra l’altro, alle imprese di partecipare congiuntamente a progetti di finanziamento su fondi nazionali e comunitari in modo da rendere le azioni proposte maggiormente efficaci.
 

 

Finalità

Il  Bando supporta la realizzazione di studi di fattibilità tecnica e di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale tra PMI, anche in collaborazione con grandi imprese, su tematiche coerenti con la Strategia di specializzazione intelligente della Regione Piemonte e con le Agende strategiche di ricerca dei Poli di Innovazione, ovvero nei seguenti ambiti tematici: Agrifood, Energy and Clean Technologies, Green Chemistry, ICT, Life Sciences, Smart Products and Manufacturing, Textile.

E' prevista l'attivazione di tre linee di intervento:

  • Linea 1, riservata a progetti di ricerca industriale o di sviluppo sperimentale, anche in collaborazione;
  • Linea 2, riservata agli studi di fattibilità tecnica preliminari ad attività di ricerca, anche in collaborazione;
  • Linea 3, riservata all'acquisizione di qualificati servizi a sostegno della ricerca e dell'innovazione.

 

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda le Micro, piccole e medie imprese (MPMI) in forma singola o in collaborazione, e le Grandi imprese limitatamente alle linee 1 e 2 e  solo a condizione che collaborino con almeno una Pmi.

Prima della concessione dell'agevolazione l'impresa beneficiaria dovrà risultare essere associata a uno dei Poli di Innovazione piemontesi, illustrati al seguente link.

Le imprese cha abbiano già presentato domanda sul Bando PRISM-E non potranno presentare domanda sulla linea 1 del  presente bando.

Le imprese valdostane possono presentare 1 sola domanda esclusivamente sulla Linea di intervento 1.

Le attività di realizzazione del progetto dovranno essere svolte nella sede o unità locale attiva e produttiva presente nel territorio valdostano.

Il codice Ateco primario della sede destinataria dell'attività di R&S relativa al progetto, deve essere compreso tra quelli riportati nell'Allegato 1 al Bando.

 

Oggetto dell'intervento e intensità dei contributi

La Regione Valle d'Aosta rende disponibile una dotazione finanziaria pari a euro 500.000 a copertura delle proposte sulla sola Linea  di internvento 1, attraverso la concessione di contributi a fondo perduto, nella misura massima del 60% dei costi ammissibili sostenuti per la realizzazione del progetto.

I Poli di Innovazione e i relativi Soggetti Gestori sono i seguenti:

  • Agrifood: M.I.A.C. Scpa;
  • CLEVER (Energy and Clean Technologies): Environment Park Spa e Consorzio U.ni.Ver, in ATS;
  • CGREEN (Green Chemistry and Advanced Materials): Pst Spa, Consorzio Proplast e Consorzio Ibis, in ATS;
  • Polo ICT: Fondazione Torino Wireless;
  • BIOPMED (Life Sciences): Bioindustry Park Silvano Fumero Spa;
  • Mesap (Smart Products and Manufacturing): Centro Servizi Industrie Srl;
  • Po.in.Tex (Textile): Città Studi Spa.

I progetti presentati in risposta alla Linea di intervento 1 dovranno avere un investimento minimo di euro 100.000 e massimo di euro 270.000 e dovranno essere realizzati entro 18 mesi dalla data di concessione delle agevolazioni, prorogabili fino a un massimo di 24 mesi.

Le spese ammissibili sono:

  1. personale;
  2. apporti in natura (prestazioni rese da soci, titolari e amministratori);
  3. generali;
  4. strumenti e attrezzatura;
  5. servizi di consulenza;
  6. materiali.

Il contributo è concesso ai sensi degli artt. 25 e 28 del Reg. (UE) n. 651/2014, con le seguenti intensità massime:

TIPOLOGIA

IMPRESA

BASE

AIUTO

MAGGIORAZIONE PER

DIMENSIONE D'IMPRESA

PREMIALITA' PER PROGETTI

IN COLLABORAZIONE

INTENSITA'

MASSIMA

Piccola impresa

 

25%

 +20%

 

+15%

 60%
Media impresa  +10% 50% 
Grande impresa  - 40% 

La Regione Valle d'Aosta, per il tramite della Struttura ricerca, innovazione, internazionalizzazione e qualità e la Finaosta S.p.A., parteciperanno alle fasi di valutazione dei progetti valdostani. La medesima Struttura provvederà alla concessione ed erogazione dei relativi contributi mentre l'erogazione verrà effettuata dalla Finaosta S.p.A..

La procedura valutativa prevista è negoziale a sportello. Le risorse sono quindi assegnate ai progetti valutati positivamente sulla base dell'ordine cronologico di presentazione e fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

Per le imprese valdostane coinvolte nei partenariati di progetto sarà la Finaosta S.p.A. a valutare la sostenibilità economico-finanziaria sulla base del seguente criterio: patrimonio netto > (costo progetto di ricerca – contributo pubblico)/2, per le medie e per le grandi imprese, patrimonio netto > (costo progetto ricerca – contributo pubblico)/3, per le piccole imprese.

Per le imprese valdostane coinvolte nei partenariati di progetto sarà la Finaosta S.p.A. a valutare la sostenibilità economico-finanziaria sulla base del seguente criterio: patrimonio netto > (costo progetto di ricerca – contributo pubblico)/2, per le medie e per le grandi imprese, patrimonio netto > (costo progetto ricerca – contributo pubblico)/3, per le piccole imprese.

 

Presentazione delle domande

La domanda di contributo può essere presentata a partire dalle ore 9.00 del 23 settembre 2019 e fino alle ore 12.00 del 13 dicembre 2019.

I soggetti proponenti devono presentare la domanda via internet, compilando il modulo telematico al seguente link .

Tutti i soggetti proponenti di uno stesso progetto devono inviare a mezzo PEC all’indirizzo finanziamenti.finpiemonte@legalmail.it gli eventuali allegati obbligatori, così come riportati all’Allegato 4, punto 1, del Bando, che non sia stato possibile presentare attraverso la piattaforma FINDOM, seguendo le scadenze riportate nella seguente tabella:

 

Finestre invio telematico delle domande

Termine per invio a mezzo PEC

degli allegati obbligatori

3-15 settembre 2019 Entro il 22 settembre 2019
16-30 settembre 2019 Entro il 7 ottobre 2019
1-15 ottobre 2019 Entro il 22 ottobre 2019
16-31 ottobre 2019 Entro il 7 novembre 2019
1-15 novembre 2019 Entro il 22 novembre 2019
16-30 novembre 2019 Entro il 7 dicembre 2019
1-13 dicembre 2019 Entro il 22 dicembre 2019

Si precisa che le domande associate ad uno stesso progetto o studio devono essere inviate telematicamente nella stessa finestra. Eventuali proposte per le quali le domande telematiche siano state caricate in finestre differenti non saranno prese in considerazione con contestuale decadimento dell’intera proposta.

 



 

Informazioni e chiarimenti sui contenuti del Bando e le modalità di presentazione delle domande potranno essere richiesti a Finpiemonte tramite il form di richiesta presente all’indirizzo web www.finpiemonte.it/urp oppure chiamando il numero 011/57.17.777 dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 12:00.

Per ricevere assistenza tecnica per l’utilizzo del sistema di presentazione online delle domande è possibile inviare una richiesta all’indirizzo email gestione.finanziamenti@csi.it oppure chiamare il numero 011.0824407.

 

SITO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE

 

ALLEGATI

 



Torna su