Competenze

 

Il Nucleo di valutazione e verifica delle opere pubbliche (NUVVOP) ha competenze settoriali legate alle opere pubbliche di rilievo regionale e comunale connesse ai seguenti documenti di programma:

 

  1. Fondo per speciali programmi di investimento (FOSPI) di cui alla l.r. 48/1995 e successive modificazioni;
  2. Piano degli interventi che comportano la realizzazione di opere di rilevante interesse regionale di cui all’articolo 3 della l.r. 17 agosto 2004, n. 21;
  3. Piano di tutela delle acque, di cui al d.lgs. 11 maggio 1999, n. 152 e successive modificazioni;
  4. Piano degli interventi di cui all’articolo 8, comma 1, della l.r. 18 gennaio 2001, n. 5 (difesa del suolo);
  5. Programma regionale di previsione dei lavori pubblici di cui all’articolo 7 della l.r. 12/1996, come sostituito dall’articolo 6 della l.r. 29/1999;
  6. Ulteriori documenti o strumenti di programma concernenti le opere pubbliche, individuati dalla Giunta regionale.

 

A tali competenze corrispondono diverse attività, affidate allo stesso dalla Giunta regionale, con deliberazione n. 1842 del 30 dicembre 2016.

Tali attività concernono:

  1. l’attività di indirizzo e di supporto metodologico alle strutture regionali competenti, per l’elaborazione, l’attuazione, il monitoraggio, la valutazione e la verifica dei documenti di programma, anche con l’organizzazione di giornate di formazione rivolte a professionisti e amministratori;
  2. l’attività di coordinamento del censimento delle esigenze di adeguamento degli edifici scolastici e del patrimonio immobiliare regionale, dell’individuazione delle priorità di intervento e l’elaborazione dei programmi di intervento in materia di edilizia scolastica e di patrimonio immobiliare regionale;
  3. l’attività di analisi di opportunità e fattibilità degli investimenti e di valutazione ex ante di progetti ed interventi;
  4. l’attività di collaborazione nell’indirizzo metodologico al RUP rispetto alle diverse esigenze che possono nascere durante il ciclo di vita delle opere pubbliche, in particolare nelle fasi di programmazione e di verifica e controllo delle progettazioni;
  5. ulteriori attività che si dovessero rendere necessarie per garantire la qualità delleopere pubbliche regionali.
 



Torna su