Deroghe

La Legge 68/99 individua alcune situazioni particolari che incidono sull’obbligatorietà delle assunzioni:

  1. L’esonero parziale dagli obblighi: nei casi di faticosità, pericolosità, particolari modalità di svolgimento della prestazione lavorativa, ed in assenza di assenza di mansioni compatibili con le caratteristiche dei disabili iscritti nell’elenco del collocamento mirato, il datore di lavoro può essere autorizzato per un periodo determinato a non effettuare una parte delle assunzioni, versando, per ciascuna unità non assunta, un contributo esonerativo di € 30,64 per ogni giorno lavorativo compreso nel periodo autorizzato.
  2. La compensazione territoriale: il datore di lavoro può assumere nelle unità produttive di una certa Provincia un numero minore di persone disabili, assumendo, in compensazione, un maggior numero di persone disabili nelle unità produttive di altre Province. La compensazione territoriale opera automaticamente sulla base della sola dichiarazione del datore di lavoro, attraverso la presentazione annuale del prospetto informativo. La medesima possibilitàè estesa alle aziende che fanno parte di “un gruppo”;
  3. La sospensione temporaneadegli obblighi (art 3 co. 5 L68/99 e art. 4 DPR 333/00): gli obblighi di assunzione sono temporaneamente sospesi qualora il datore di lavoro si trovi in situazioni di crisi aziendale, in particolare:  
  • Nel caso di ricorso a procedure di mobilità: gli obblighi sono sospesi per la durata della procedura di mobilità e, nel caso in cui la procedura si concluda con almeno cinque licenziamenti, per il periodo in cui permane il diritto di precedenza all'assunzione (6 mesi). In questo caso la sospensione opera a livello nazionale (per le aziende con unità produttive ubicate in più province).
  • Nel caso di ricorso ai contratti di solidarietà e cassa integrazione guadagni straordinaria: gli obblighi sono sospesi per la durata dei programmi e per il singolo ambito provinciale e in proporzione all'attività lavorativa effettivamente.
 



Torna su