Politiche giovanili

L’Assessorato Istruzione, Università, Ricerca e Politiche giovanili della Regione autonoma Valle d’Aosta indice un Avviso pubblico per favorire progetti ed iniziative a carattere locale e/o regionale capaci di generare nuove possibilità e soluzioni a problemi e priorità che impattano sulle giovani generazioni, a valere sulle risorse del Fondo per le politiche giovanili, istituito con la legge regionale 15 aprile 2013, n. 12.

L’Avviso è emanato anche ai sensi dell’articolo 11 della legge regionale 6 agosto 2007, n. 19, al fine di predeterminare criteri e modalità di concessione di finanziamenti pubblici e non è in alcun modo finalizzato all’individuazione di soggetti aggiudicatari di contratti aventi per oggetto l’acquisizione di beni e/o servizi ai sensi del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50  e successive modificazioni ed integrazioni.

Qui di seguito vengono riportati i principali articoli del summenzionato bando.

Art. 1 – Obiettivi generali

L’Avviso rappresenta una misura, gestita dalla Struttura politiche giovanili, progetti cofinanziati ed europei, che intende offrire un sostegno finanziario ad iniziative rivolte ai giovani e incoraggiare, in particolare, le associazioni giovanili ad attivare progetti tematici e territoriali, anche sperimentali.

In un’ottica di applicazione e sviluppo del principio costituzionale di “sussidiarietà orizzontale”, si intendono attivare sinergie operative con gli enti senza scopo di lucro presenti sul territorio regionale volte al soddisfacimento mirato dei bisogni emergenti locali e  dell’interesse generale.

Art. 2 – Linee di intervento

Gli ambiti di intervento del presente Avviso, per i quali possono essere presentate le proposte progettuali sono:

  • LINEA DI INTERVENTO A:“Contrasto alla povertà educativa”, per il finanziamento di progetti di educazione sui temi della legalità, della multiculturalità, dei diritti/doveri di cittadinanza, attraverso azioni di tipo formativo e informativo, di strada e territoriali, a supporto e rafforzamento del ruolo di tutti gli attori del processo educativo.
  • LINEA DI INTERVENTO B: “Giovani Saperi” per il finanziamento di progetti volti a:

-       favorire la conoscenza diretta e diffusa del territorio di appartenenza, avviando percorsi di apprendimento teorici e pratici, anche attraverso itinerari formativi all’aperto;

-       stimolare interesse su ambiti e tematiche diversificate contribuendo a far maturare il desiderio di conoscenza/appartenenza al proprio territorio in senso ambientale, artistico e urbano, nonché della storia e delle tradizioni locali.

Le iniziative proposte devono comprendere:

-     La diffusione delle relative informazioni con strumenti di comunicazione adeguati ai giovani;

-     Produzioni multimediali volte a documentare le attività realizzate, ai fini della disseminazione dei risultati ottenuti, da poter pubblicare eventualmente sul sito istituzionale dell’Assessorato Istruzione, Università, Ricerca e Politiche giovanili, o da presentare in occasione di un possibile evento conclusivo della misura.

Art. 3 - Destinatari delle iniziative

Le azioni progettuali, a pena di esclusione, devono avere come destinatari diretti ESCLUSIVAMENTE GIOVANI DI ETÀ COMPRESA TRA I 14 E I 29 ANNI, residenti o domiciliati nel territorio regionale.

Il target di riferimento deve essere precisamente definito nella proposta progettuale.

Art. 4 – Risorse finanziarie programmate e importo del finanziamento concesso

Le risorse finanziarie disponibili per la realizzazione degli obiettivi oggetto del presente Avviso ammontano complessivamente a euro 100.000,00, così suddivisi per linea di intervento:

  • Linea di intervento A –“Contrasto alla povertà educativa”: euro 50.000,00;
  • Linea di intervento B –“Giovani Saperi”: Euro 50.000,00.

Tenuto conto del budget disponibile e con l’obiettivo di massimizzare l’impatto delle attività, il finanziamento regionale complessivo richiesto per ciascuna iniziativa o progetto, pena l’esclusione, non potrà essere inferiore a euro 5.000,00 (cinquemila) né superare l’importo di euro 15.000,00 (quindicimila).

Art. 5 - Durata dei progetti

I progetti, a pena di inammissibilità, non possono essere avviati prima della presentazione della domanda di contributo e devono concludersi entro il 31 maggio 2020. Non è imposta una durata minima delle iniziative.

Art. 6 - Soggetti proponenti

Il proponente è il soggetto che presenta il progetto ed è il responsabile della sua corretta realizzazione.

Possono essere soggetti proponenti i soggetti di diritto privato, senza fini di lucro, con sede legale in Valle d’Aosta, che rientrano nell’ambito delle seguenti tipologie:

  • Associazioni giovanili ricomprese nell’elenco delle associazioni giovanili operanti nel territorio regionale, di cui all’art. 8 della l.r. 12/2013;
  • Altre Associazioni (riconosciute e non riconosciute);
  • Fondazioni;
  • Organizzazioni di volontariato e Associazioni di promozione sociale (che risultano iscritte, nelle more dell’operatività del Registro unico nazionale del Terzo Settore, rispettivamente nel registro delle ODV e nel registro delle APS della Regione autonoma Valle d’Aosta).

Il requisito dell’iscrizione all’elenco delle associazioni giovanili e al registro delle ODV e delle APS della Regione autonoma Valle d’Aosta dovrà essere posseduto alla data di pubblicazione dell’Avviso.

Alle proposte progettuali presentate dalle associazioni giovanili di cui sopra sarà attribuito un punteggio aggiuntivo a titolo di premialità. 

Ciascun soggetto, a pena di inammissibilità delle domande, può partecipare al presente Avviso esclusivamente in forma singola e con non più di un progetto e solamente ad una delle 2 linee di intervento.

Art. 9 - Modalità e termini di presentazione della domanda.

I soggetti proponenti dovranno presentare, a pena di esclusione, apposita domanda di ammissione al finanziamento, utilizzando il Modulo A.

La domanda deve essere corredata, a pena di esclusione, della seguente documentazione:

-     Modulo A-1 – Dichiarazione requisito di ammissibilità (eventuale);

-     Modulo B – Dichiarazione di collaborazione (eventuale);

-     Modulo C – Scheda di progetto;

-     Modulo D – Piano finanziario;

-     Copia dell’atto costitutivo e dello statuto vigente del soggetto proponente;

-     Copia di un valido documento di identità del sottoscrittore.

Il soggetto proponente dovrà utilizzare, a pena di esclusione, esclusivamente i modelli previsti dall’Amministrazione.

Non sono ammesse integrazioni di documenti, se non richieste.

La domanda di ammissione al finanziamento corredata degli allegati necessari, va presentata, nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia fiscale, alla Struttura politiche giovanili, progetti cofinanziati ed europei dell’Assessorato Istruzione, Università, Ricerca e Politiche giovanili della Regione autonoma Valle d’Aosta, Piazza Deffeyes, 1 – 11100 AOSTA.

LA DOMANDA DOVRÀ PERVENIRE ENTRO E NON OLTRE LE ORE 12:00 DEL GIORNO 30 OTTOBRE 2019, A PENA DI INAMMISSIBILITÀ.

Può essere presentata mediante:

a)    consegna a mano, nell’orario di seguito indicato: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00;

b)   spedizione a mezzo posta raccomandata;

c)    invio da casella di posta elettronica certificata, all’indirizzo di posta elettronica certificata istruzione@pec.regione.vda.it

Nel caso di consegna a mano o spedizione a mezzo posta raccomandata, la domanda di ammissione al finanziamento, corredata della documentazione necessaria, dovrà essere inserita, a pena di irricevibilità, in un plico chiuso, siglato sui lembi.

Ai fini del corretto ricevimento della domanda sull’esterno del plico chiuso dovrà essere indicato il MITTENTE e indicata la dicitura: “NON APRIRE - AVVISO PUBBLICO “1-2019” PER IL FINANZIAMENTO DI INIZIATIVE E PROGETTI IN FAVORE DELLE GIOVANI GENERAZIONI – Linea di intervento A (Contrasto alla povertà educativa) oppure – Linea di intervento B (Giovani Saperi)”.

In caso di consegna a mano sarà rilasciata idonea ricevuta.

Nel caso di invio tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno la data di presentazione delle domande è determinata dalla data di spedizione; in questo caso la domanda si intende prodotta in tempo utile se pervenuta entro i 5 giorni successivi alla scadenza del termine di cui sopra.

Nel caso di spedizione a mezzo PEC: la domanda dovrà essere inviata da indirizzo PEC del soggetto proponente, all’indirizzo istruzione@pec.regione.vda.it La trasmissione dovrà avvenire in modo conforme alla normativa vigente. Nell’oggetto della PEC dovrà essere indicato: il MITTENTE e indicata la dicitura: “NON APRIRE - AVVISO PUBBLICO “1-2019” PER IL FINANZIAMENTO DI INIZIATIVE E PROGETTI IN FAVORE DELLE GIOVANI GENERAZIONI – Linea di intervento A (Contrasto alla povertà educativa) oppure – Linea di intervento B (Giovani Saperi)”. Tutti i documenti allegati al messaggio PEC devono essere in formato PDF e sottoscritti mediante firma digitale o firma autografa dal legale rappresentante del soggetto proponente con annesso valido documento d’identità.

 



Torna su