Servizio riscossione e servizio assistenza ai contribuenti

Servizio di riscossione del bollo auto per conto della Regione

Con deliberazione n. 683 in data 23 maggio 2014 l'Amministrazione ha approvato il nuovo schema di convenzione con le agenzie di pratiche auto ed il nuovo protocollo d'intesa con i tabaccai che regolano il servizio di riscossione del bollo auto per conto della Regione Autonoma Valle d'Aosta.

Le agenzie ed i tabaccai che intendono aderire al servizio devono presentare istanza utilizzando gli appositi modelli presenti su questa pagina; analoga istanza deve essere presentata, entro la fine del 2014, dalle agenzie e dai tabaccai già operanti il cui rapporto convenzionale con la Regione è in scadenza il 31/12/2014 e che intendano proseguire con il servizio di riscossione oltre tale data.

Si invita, coloro che fossero interessati all'adesione al servizio, ad una attenta lettura della convenzione e del protocollo: preme qui sottolineare che l'attività di riscossione fa acquisire a chi la esercita la funzione pubblicistica di agente contabile con conseguenti rilevanti responsabilità, che possono essere anche di natura penale, cui può andare incontro chi maneggia denaro pubblico.

scarica la documentazione:

 

Nuove modalità servizio assistenza ai contribuenti

La sopracitata deliberazione della Giunta regionale 683/2014 ha anche approvato le nuove modalità per il servizio di assistenza ai contribuenti: a partire dal 2015 il servizio potrà essere affidato, tramite convenzione, a tutti i soggetti che esercitano attività di consulenza per la circolazione dei veicoli (ai sensi della L. 264/1991) presenti sul territorio valdostano e che sono autorizzati al servizio di riscossione del bollo auto.

 

Le agenzie interessate possono sottoscrivere direttamente la convenzione o aderire per il tramite del proprio consorzio/polo telematico. In questo caso i consorzi/poli telematici di riferimento raccolgono le istanze di adesione al servizio, compilate utilizzando il modulo sottoriportato, ed i compensi spettanti ai soggetti autorizzati per l'attività di assistenza ai contribuenti saranno liquidati cumulativamente per il tramite del Soggetto firmatario.

 

 

Modalità di riversamento alla Regione delle somme riscosse del bollo auto 

  • ai fini del riversamento delle somme riscosse, il riscossore riceve settimanalmente dal sistema informatico l'ammontare incassato nella settimana precedente. Detto ammontare deve essere riversato alla Regione, entro due giorni lavorativi, tramite la procedura bancaria Sepa Direct Debit;
  • qualora l'addebito automatico non andasse a buon fine per cause imputabili al riscossore (ad esempio per insufficienza fondi), questi dovrà procedere, entro 5 giorni successivi alla scadenza, a riversare tramite bonifico la somma dovuta maggiorata di una penale pari al cinque (5) per cento.
    Il codice IBAN su cui effettuare il bonifico è il seguente:
    IT 39 V 02008 01204 00000 3867729;
  • trascorso il predetto termine, l’Amministrazione invia al tabaccaio autorizzato un’intimazione ad adempiere al pagamento entro il termine di 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento dell’intimazione medesima e contemporaneamente sospende il servizio di riscossione in via cautelativa;
  • Il mancato pagamento delle somme oggetto di intimazione determina la revoca dell’autorizzazione alla riscossione.

L’Amministrazione procede, in ogni caso, alla revoca dell’autorizzazione al riscossore che incorra nella seconda violazione di insoluto oggetto di intimazione.

 

Annullamenti bolli auto

Nel caso in cui il sistema consenta l’annullamento della transazione il tabaccaio autorizzato procede alla riemissione nell’arco della giornata di emissione, qualora, su segnalazione del contribuente o del soggetto che effettua il versamento, i dati presenti sulla ricevuta di pagamento, ivi compreso il codice fiscale del proprietario del veicolo, non siano corretti. Le ricevute annullate devono essere inviate, a mezzo lettera raccomandata o, in alternativa, consegnate brevi manu, al competente Ufficio tributi dell’Amministrazione, tra il giorno 7 ed il giorno 14 del mese successivo all’annullamento (entro la prima settimana del mese successivo per i soggetti autorizzati diversi dai tabaccai).

 



Torna su