La montagna che cresce

Si è tenuto l'8 giugno scorso, alla Pépinière d’Entreprises di Aosta, l’evento “La montagna che cresce” di presentazione dei Programmi della Politica regionale di sviluppo 2014/20.

L’appuntamento ha preso avvio con la conferenza “Lo sviluppo regionale nel 2014/20”, seguita da un numerosissimo pubblico, tra cui molti rappresentanti dei Comuni valdostani e di associazioni e organismi operanti sul territorio. Tale partecipazione ben rappresenta il crescente interesse verso le nuove opportunità di finanziamento offerte dai Programmi a cofinanziamento europeo e statale che, come ha sottolineato il Presidente della Regione, in apertura dei lavori, assumono sempre maggiore centralità e rilevanza nell’ottica della ripresa dello sviluppo regionale.

Di particolare interesse sono risultate anche le brevi conferenze “A tu per tu con…” pensate per far conoscere alcune esperienze progettuali della programmazione 2007/13, quali: l’apertura del sito archeologico di Pont d’Aël; la realizzazione di una rete in fibra ottica sul territorio valdostano; il futuro Polo universitario; la nuova agricoltura giovane e innovativa; Resamont, innovazione al servizio della medicina di montagna e Formarisc, formazione transfrontaliera al servizio della sicurezza dei cittadini. Molto efficace è stata la scelta di fare illustrare, direttamente ai beneficiari, i contenuti delle iniziative realizzate.

Rispondevano all’intento di far conoscere i risultati di progetti del 2007/13 anche i corner tematici allestiti nell’area espositiva della Pépinière. Beneficiari e responsabili dei Programmi hanno diffuso materiale, fornito informazioni e presentato realizzazioni di diversi progetti, raggruppati per ambiti tematici. Per l’ambito tematico “Competitività, ricerca, innovazione e ICT” erano presenti i progetti Telemedicina, Produits d’hauteur, Alcotra innovation, Degust’Alp e quelli di supporto alle imprese. Attenevano all’ambito tematico “Ambiente, energia e mobilità sostenibile” i progetti Share, Iter, Renerfor e quelli sul rifacimento dei tradizionali muretti a secco e la realizzazione di impianti fotovoltaici. VIVA, Giroparchi, Autour du MontBlanc, Education à l’environnement, Via consolare delle Gallie e Racines du goût erano stati individuati, invece, per l’ambito “Turismo, natura e cultura”.

All’evento hanno partecipato anche i rappresentanti del partenariato istituzionale, economico-sociale e ambientale, che hanno siglato, con l’occasione, il Protocollo d’intesa 2014/20 con la Regione, con il quale viene disciplinato il confronto partenariale, già instaurato ad avvio della programmazione e che proseguirà ora in fase di attuazione dei Programmi.

 

 



Torna su