Programma di Cooperazione interregionale INTERREG EUROPE 2014/20 (FESR)

Strategia Programma

I regolamenti stabiliscono che il programma INTERREG EUROPE abbia per scopo quello di rafforzare l’efficacia della politica di coesione, incoraggiando lo scambio di esperienze tra differenti regioni. In particolare, il Programma dovrà contribuire a “migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo regionale, agendo principalmente sui programmi di investimento per la crescita e per l’occupazione e, dove rilevante, sui programmi di cooperazione territoriale e promuovendo lo scambio di esperienze e gli strumenti di “policy learning” tra attori di rilevo regionale”. A partire da queste considerazioni, sono stati definiti i seguenti obiettivi operativi del Programma:

- facilitare il “policy learning” e la capitalizzazione di buone pratiche a livello europeo tra attori di rilievo regionale per il rafforzamento delle politiche regionali, in particolar modo tramite l’attuazione dei programmi per l’investimento per la crescita e per l’occupazione e, dove rilevante, per i programmi di cooperazione territoriale europea;

- promuovere lo scambio di esperienze e la condivisione di buone pratiche tra attori di rilievo regionale allo scopo di integrare le conoscenze acquisite grazie alla cooperazione all’interno delle politiche regionali, in particolar modo agendo sui Programmi Investimenti per la crescita e l’occupazione e, dove rilevante, per i Programmi di cooperazione territoriale europea.


Finalità e priorità

Il Programma é strutturato in quattro assi prioritari che riguardano i temi dell’innovazione, competitività delle PMI, economia a basse emissioni di carbonio e protezione dell’ambiente e sarà attuato mediante la realizzazione di progetti di cooperazione interregionale e piattaforme tematiche per lo scambio di buone pratiche tra autorità pubbliche regionali e locali ed altri attori di rilevanza regionale in tutta Europa.

Per richiedere assistenza tecnica in merito a possibili proposte progettuali e per informazioni specifiche sul Programma, i soggetti valdostani interessati possono contattare l’Ufficio di rappresentanza a Bruxelles della Regione all’indirizzo mail: interreg@regione.vda.it

Per approfondimenti sul Programma e sulle modalità di deposito delle proposte progettuali, consultare il sito ufficiale del Programma (in inglese).

 


NOTIZIE

16/12/2016: Richiesta di rimborso della quota nazionale (CPN) a valere sul Fondo di rotazione
l'Agenzia Nazionale per la Coesione territoriale ha reso nota la procedura di richiesta per il rimborso delle CPN per i progetti cofinanziati nell'ambito dei Programmi di Cooperazione territoriale europea. Per il periodo di programmazione 2014-2020 le modalità rimangono sostanzialmente invariate rispetto al periodo 2007-2013. Pertanto, i beneficiari italiani dei progetti, sia capofila che partner, possono chiedere il rimborso della quota di cofinanziamento nazionale solo dopo aver ricevuto il rimborso della quota FESR o direttamente dall’Autorità di Certificazione del Programma o dal Capofila. 
Le istruzioni dettagliate e il modulo da utilizzare per la richiesta sono disponibili nella sezione dedicata all'Italia sul sito del Programma.
18/10/2016: Modalità per la selezione e la convalida dei controllori nazionali dei progetti Interreg Europe
La Commissione Mista Stato Regioni e Province Autonome, costituita per il coordinamento sul funzionamento generale del sistema nazionale di controllo dei Programmi dell’obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020, ha approvato e reso disponibili le istruzioni, i requisiti e i moduli da utilizzare per la selezione e la procedura di convalida dei controllori di primo livello dei progetti Interreg Europe. 

Le istruzioni, i requisiti e i moduli da utilizzare per le procedure di selezione e di convalida dei controllori di primo livello sono disponibili nella sezione dedicata all'Italia sul sito del Programma.

12/10/2016: Interreg Europe lancia le Policy learning platform - nuovi strumenti di supporto e conoscenza delle politiche europee
Sono state attivate sul sito del programma Interreg Europe le Policy Learning Platform, concepite come un centro di conoscenza e diffusione di informazioni, interazione tra comunità di responsabili politici, professionisti ed esperti che si occupano di politiche di sviluppo regionale. In ogni piattaforma tematica, vale a dire Innovazione e ricerca, Competitività delle pmi, Economia a basse emissioni di carbonio e Ambiente ed efficienza delle risorse, si trovano, tra l'altro, nominativi di esperti, progetti, eventi, informazioni, buone pratiche, studi tematici, report, valutazioni e raccomandazioni politiche. 

Maggiori informazioni sul sito internet di Interreg Europe.

09/02/2016: Il Comitato di sorveglianza del Programma INTERREG EUROPE ha approvato il progetto a partecipazione valdostana - DESTINATION SME
Il Programma di cooperazione interregionale Interreg EUROPE, che interessa l‘intero territorio dell‘Unione Europea, ha approvato i primi progetti della programmazione 2014/20. In esito alle procedure di valutazione delle oltre 260 proposte provenienti da tutta l’Europa presentate col primo bando, sono stati ammessi a finanziamento 64 progetti.

Tra questi, ha ottenuto un’ottima valutazione il progetto a partecipazione valdostana, Destination SMEs, presentato da Fondation Grand Paradis, che prevede un finanziamento in favore dell’area dell’Unité des Communes Grand-Paradis, di circa 250 mila euro. Questo risultato premia gli sforzi del beneficiario di progetto e dell’Ufficio di rappresentanza a Bruxelles della Presidenza della Regione che, in collaborazione con il Dipartimento Turismo dell’Assessorato regionale al turismo, sport, commercio e trasporti, ha fornito assistenza tecnica nella predisposizione del dossier progettuale. 

Destination SMEs, che riunisce 7 partner provenienti da altrettanti Stati membri dell’UE (Francia, Italia, Malta, Irlanda, Finlandia, Lituania e Slovenia), si propone di migliorare le politiche pubbliche dedicate al sostegno alle PMI nel settore del turismo, tramite uno scambio di buone pratiche tra enti di promozione turistica, nonché di definire una strategia integrata di gestione turistica del territorio.

Le attività del progetto saranno condotte nel corso di due fasi distinte: per i primi tre anni, dal 2016 al 2019, sarà effettuato uno scambio di buone pratiche e di esperienze sul campo tra i partner. Nei successivi due anni, dal 2019 al 2021, comincerà la sperimentazione di nuove modalità di gestione turistica, elaborate a seguito di quanto già effettuato. Un punto di forza di Destination SMEs è la collaborazione tra i partner, provenienti da contesti europei diversi, e tra gli attori del territorio più rilevanti per il settore interessato, dalle autorità pubbliche locali agli operatori turistici. 

La riunione di avvio del progetto, tenutasi l’11 maggio a Lubiana, in Slovenia, è stata l’occasione per i partner di programmare concretamente il calendario delle attività, a cominciare dal primo seminario congiunto di scambio e formazione, che avrà luogo a Malta il prossimo ottobre. Fondation Grand Paradis ha assunto l’importante ruolo di responsabile dell’attività di comunicazione e di diffusione dei risultati del progetto. Per l’Unité des Communes Grand-Paradis, questo progetto rap-presenta uno stimolante momento di confronto con altre realtà europee e un’occasione per sviluppare ulteriormente il modello di accoglienza turistica.

Per ulteriori informazioni sul progetto visitate il sito di Fondation Grand Paradis o la pagina dedicata sul sito di Interreg EUROPE.

 

Europa



Torna su