Area interna Bassa Valle

 

Grazie al contributo dei portatori di interesse a livello locale (cittadini, imprese, amministrazioni locali, associazioni), in collaborazione con le Strutture regionali interessate e con il Comitato tecnico nazionale per le aree interne, la Bassa Valle ha definito la sua Strategia d’area, incentrata sull’idea della ‘messa in rete’. 

 

 

La Strategia e i relativi 27 interventi prevedono, da un lato, progetti di sviluppo locale, che mirano a promuovere la porzione di ‘Cammino Balteo’ interessante il territorio dell’area interna, lo sviluppo e il rilancio della filiera bosco e di quella agroalimentare, integrata con il settore turistico, e l’insediamento e la nascita di nuove imprese. Dall’altro, progetti sui servizi essenziali, in tema di salute (con la valorizzazione di un modello di sanità proattiva, anche caratterizzato dall’apporto delle organizzazioni del terzo settore impegnate in ambito socio-sanitario), istruzione (con la realizzazione di un polo formativo di eccellenza a Verrès) e mobilità (con diversificazione dell’offerta, promozione di servizi di trasporto flessibili e di percorsi ciclopedonali). Non mancherà, infine, un intervento volto ad assicurare un’adeguata copertura digitale dell’intero territorio, con particolare riguardo alla fruibilità dei servizi e allo sviluppo delle imprese. 

Con una dotazione complessiva di risorse stimate in oltre 15 milioni di euro, derivanti, per i progetti di sviluppo locale, dai Programmi regionali a cofinanziamento europeo e statale 2014/20 (FESR, FSE e FEASR), e, per i progetti sui servizi essenziali, da risorse statali, la Strategia, con la sinergia di tutti gli attori coinvolti, potrà dare risposte concrete ai bisogni del territorio e contribuire, così, a valorizzarne il potenziale. 

 



Torna su