Diagnosi energetiche e animazione territoriale

Con la d.G.r. 5 dicembre 2014, n. 1766 è stata approvata, nell'ambito del programma POR-FESR Competitività Regionale 2007-2013, la scheda operazione relativa al sostegno del Centro di Osservazione e Attività sull'energia quale centro di competenza per il trasferimento, verso gli attori della filiera costruttiva locale, di conoscenze avanzate sulla riqualificazione energetica degli edifici.
Nell’ambito della scheda operazione, il servizio COA energia di Finaosta S.p.A., anche in collaborazione con i consulenti incaricati, ha svolto le seguenti attività:


1. Analisi del parco edilizio pubblico: raccolta delle informazioni a disposizione circa il parco edilizio pubblico e relativa sistematizzazione ed analisi, ivi inclusi i dati derivanti dalle diagnosi energetiche effettuate sugli edifici di proprietà degli Enti locali nell’ambito dei bandi attivati con D.G.R. 23 settembre 2010 n. 2539 e con D.G.R. 18 novembre 2011 n. 2672.

2. Selezione del campione di edifici: selezione, in collaborazione con la Struttura risparmio energetico e sviluppo fonti rinnovabili dell’Assessorato Attività Produttive, Energia e Politiche del Lavoro, con la Struttura regionale Espropriazioni e valorizzazione del patrimonio e con la Struttura regionale Manutenzione stabili della Regione Autonoma Valle d’Aosta, di un campione di edifici pubblici rappresentativo delle diverse destinazioni d’uso e delle diverse tipologie edilizie sui quali effettuare una diagnosi energetica volta ad individuare gli interventi per ottenere livelli di prestazione energetica ottimali in funzione dei costi. Il parco edilizio pubblico preso in considerazione è composto da due lotti distinti di edifici, quelli regionali e quelli di proprietà degli Enti Locali, a cui corrispondono attività differenti.

3. Impostazione metodologica: stesura di una metodologia di diagnosi energetica degli edifici redatta in conformità alle norme tecniche UNI CEI TR 11428, UNI CEI EN 16247-1 e 2, UNI TS 11300, per garantire l’uniformità delle analisi condotte durante il progetto e dei risultati proposti.

4. Diagnosi energetiche per il lotto di edifici di proprietà regionale: Su questo campione costituito da 100 edifici di varia destinazione d’uso, sono state redatte, nell’ambito di questo progetto, le diagnosi energetiche in linea con quanto definito nel documento di Impostazione metodologica.

5. Analisi e uniformazione della documentazione di diagnosi energetiche per il lotto di edifici di proprietà degli Enti Locali: Questo campione è costituito da 70 edifici di proprietà degli Enti locali valdostani (Comuni e Comunità Montane) sui quali sono state effettuate in passato diagnosi e certificazioni energetiche, a valere su fondi POR/FESR 2007/2013, nell’ambito dei bandi attivati con D.G.R. 23 settembre 2010 n. 2539 e con D.G.R. 18 novembre 2011 n. 2672. Nell’ambito di questo progetto, sulla base dell’analisi energetica già condotta nelle diagnosi energetiche precedenti, è stata effettuata l’analisi degli interventi di riqualificazione energetica proposti formulando nuove soluzioni o integrandone i contenuti, ove necessario, con una dettagliata analisi costi-benefici, redatta in linea con l’Impostazione metodologica elaborata.

Come risultato finale, a seguito delle analisi condotte attraverso le diagnosi, sarà possibile effettuare considerazioni più approfondite al fine di mettere in evidenza lo stato dell’arte del patrimonio edilizio pubblico, le principali tipologie di interventi di riqualificazione energetica proposti e le relative priorità, le principali considerazioni tecnico-economiche relative agli interventi stessi (investimenti previsti, valutazioni economiche di rientro degli investimenti, soluzioni innovative, soluzioni gestionali, ecc.).
Nell’ambito di tale progetto il COA energia sta organizzando l’evento di animazione territoriale “La diagnosi energetica e gli interventi di riqualificazione degli edifici - I professionisti e le imprese a confronto”, rivolto ai principali attori della filiera costruttiva (imprese di settore, artigiani e professionisti) al fine di diffondere le conoscenze acquisite nel corso delle analisi effettuate sugli edifici pubblici.

 

 



Torna su