Vincoli su beni di interesse culturale

La tutela mediante l'apposizione di vincoli sui beni di interesse è a cura dell'Ufficio vincoli che si occupa di dare sostanza ed applicazione alla normativa vigente in ordine alla tutela dei Beni di Interesse Culturale in particolare riguardo alla:

  • individuazione dei beni immobili e verifica del loro interesse culturale (art 12 D.Lgs.42/04),
  • individuazione degli elementi caratterizzanti e delle prescrizioni di indirizzo alla tutela dei beni immobili,
  • gestione del loro elenco e connessione al catalogo dei beni culturali,
  • procedura di dichiarazione e di ratifica dell'Interesse culturale per i beni immobili ed i beni mobili (art.14 D.lgs.42/04 e art.1 e 3 LR 11/93),
  • notifica della dichiarazione per beni immobili e beni mobili (art.15 Dlgs.42/04) con segnalazione alle amministrazioni competenti,
  • procedura di autorizzazione all'alienazione dei beni di proprietà pubblica o assimilati (DPR 283/00 e art.12 C),
  • trascrizione, contenente vincolo monumentale, degli atti di dichiarazione, degli atti di ratifica e degli atti di autorizzazione alla vendita relativi a beni immobili  di interesse culturale;
  • registro dei proprietari,
  • ricevuta delle denunce di trasferimento della proprietà (art. 59 D.lgs.42/04),
  • procedimento di prelazione sui beni di interesse di proprietà privata oggetto di alienazione onerosa (art.62 D.lgs.42/04), tale procedimento va applicato sempre anche se gli Enti competenti ritengono sovente di rinunciare ad esercitare questo diritto. 

 

La gestione amministrativa

In Valle d'Aosta la gestione amministrativa non spetta, come nelle altre Regioni italiane, al Ministero dei Beni Culturali, ma come Regione ad autonomia speciale spetta all'Assessorato Istruzione e Cultura in ottemperanza alle disposizioni dell'articolo 38 della L.16.05.1978 n.196, “norme di attuazione dello statuto speciale della Valle d'Aosta”; dell'articolo 1 della legge regionale 8.03.1993 n.11 di modifica della legge regionale 10.06.1983 n.56 “misure urgenti per la tutela dei beni culturali”, e dell'art.8 del Dlgs.42/041 ”regioni e province ad autonomia speciale”.

 

Le leggi di tutela storiche

I provvedimenti su beni di proprietà privata adottati ai sensi delle leggi precedenti alla n.1089 del 1° giugno 1939 sono abrogati dalla  legislazione successiva.
I provvedimenti adottati ai sensi della legge n.1089 del 1° giugno 1939 sono tuttora validi.
I provvedimenti adottati ai sensi del decreto legislativo 29 ottobre 1999 n.490 rimangono tuttora validi.
Attualmente è in vigore il decreto legislativo 22 gennaio 2004 n.42.

 

I beni di interesse culturale in Valle d'Aosta

L'elenco dei beni di interesse culturale è consultabile presso l'Ufficio Vincoli sito in P.zza S. Caveri, 1 ad Aosta, è consigliata la prenotazione:

arch. Christian Armaroli,

tel. 0165.27.43.34

e-mail c.armaroli@regione.vda.it

 

 



Torna su