Ambiente sovrastante la cappella

L'ambiente soprastante la volta settecentesca Ŕ prezioso per comprendere le trasformazioni subite nel corso dei secoli dall'antica cappella del castello. I riquadri del registro superiore della decorazione duecentesca corrono senza soluzione di continuitÓ su tre delle quattro pareti, protetti dalla copertura voltata, che, escludendoli alla vista, li ha risparmiati dalla martellinatura che deturpa quelli nella parte inferiore. L'incorniciatura superiore dei dipinti indica chiaramente il livello dell'antico soffitto ligneo, che dobbiamo immaginare riccamente decorato, come dimostrano le due travi ancora conservate in loco, seppure in posizione di reimpiego.

Pi¨ problematica Ŕ la lettura della parete ovest, sulla quale si aprono due finestre, forse ottocentesche. All'estremitÓ meridionale, la pi¨ lontana dalla porta d'accesso, si riconoscono tre teste di santi aureolati (Michele, Caterina e Margherita), riconducibili stilisticamente al quarto-quinto decennio del Quattrocento, dipinti all'interno di una incorniciatura geometrico-floreale, ancora visibile anche al di sotto della volta, sulla parete alla sinistra dell'altare. La loro realizzazione va forse legata a un crollo, di cui si riconoscono tracce evidenti nella muratura esterna dell'angolo sud-ovest, a seguito del quale probabilmente si rese necessario integrare l'antica decorazione con un nuovo dipinto.

 



Torna su