Tribunale

La denominazione di questo ampio locale nel 1551 era "poelle", cioč stanza riscaldata; oggi č detta “tribunale” dall'affresco sul camino con le virtů cardinali, fra cui spicca la Giustizia. Lo stemma incluso nel dipinto č quello di Emanuele Filiberto di Savoia (duca dal 1559 al 1580), o piů probabilmente del suo successore Carlo Emanuele I (1580-1630).

Nella sala sono esposti alcuni cassoni da corredo tipici della zona del Monviso, molto simili a quelli utilizzati nel Queyras e nelle alte valli cuneesi (val Varaita e val Maira). Tutti gli esemplari sono stati acquistati a Saluzzo.

Le facciate sono costituite da tavole liscie assemblate su quattro robusti piedi-montanti (pieds-poteaux). La decorazione, organizzata in fasce e in campiture che assecondano la struttura del mobile, č costituita da scanalature parallele, motivi geometrici e vegetali intagliati e incisi a coltello. Negli scomparti laterali che dividono il volume interno venivano riposti monili, pizzi e altri preziosi oggetti di corredo.

 



Torna su