Chambre blanche

La stanza, dove troneggia un monumentale camino in pietra con lo stemma Challant, si identifica probabilmente con la chambre blanche citata nel 1551, trasformata nel 1936 nella “camera da letto del barone”. I mobili qui disposti esemplificano varie tecniche utilizzate per la decorazione degli arredi: intaglio, incisione, tornitura, intarsio, pirografia (incisione a fuoco di disegni e motivi decorativi), pittura.

Notevole il gruppo di contenitori intarsiati, fra cui un cassone dalla foggia “a sarcofago” con pannelli a riquadri concentrici sottolineati da finissime cornici a intarsio (area padana, prima metŕ XVI secolo), un altro cassone con tarsie a motivi ottagonali ispirato al cosiddetto tavolo Guicciardini (Emilia, prima metŕ XVI secolo) e le cassette a minuti intarsi “alla certosina”. Il letto a colonne tortili riproduce un modello toscano di fine XVI-inizio XVII secolo.

 



Torna su