Sale 7 e 8 Culti

La sala dedicata ai culti presenti in Valle d’Aosta in epoca romana propone una serie di manufatti provenienti da Augusta Prætoria e dai valichi alpini del Grande e del Piccolo San Bernardo.

All’ingresso della sezione una vetrina propone una serie di statuette, medaglioni, applique e un frammento di lastra bronzea con iscrizione, mentre una soluzione espositiva di tipo scenografico presenta il balteo (pettorale per cavallo da parata la cui funzione originaria doveva essere quella di decorazione di una statua bronzea) rinvenuto nel 1953 ad Aosta e interpretato a quel tempo, sulla base del conteso di ritrovamento (ristrutturazione del mitreo, seconda metà II sec. d.C.), come un ex voto.
Gli scavi hanno restituito numerose attestazioni epigrafiche relative ai culti, nella sala sono esposti tre altari con iscrizioni votive a Fortuna, alle Matrone e a Mitra.
Si prosegue poi con un angolo dedicato interamente ai ritrovamenti avvenuti presso il colle del Piccolo San Bernardo: una vetrina contenente oggetti votivi e il busto di Giove in argento, del quale è stata prodotta una copia in resina manipolabile dai visitatori, è affiancata da una postazione video nella quale viene illustrato il sito archeologico con i relativi ritrovamenti e il rilievo 3D del Giove (la cui versione interattiva si trova nel touch-screen del corridoio di accesso al museo).
Una teca contenente la parte superiore di una statuetta bronzea raffigurante Ercole vecchio recentemente rinvenuta nei sotterranei del MAR (area della Porta Principalis Sinistra), chiude la sezione. 

 



Torna su