Scheda Esposizione

 Scheda dell'esposizione  Catalogo  Sede espositiva

Fritz Baumgartner
Souvenir de la VallÚe d'Aoste

Torre del Lebbroso - Aosta
30 Novembre 2002 - 9 Febbraio 2003
MOSTRA CHIUSA

AOSTA: ARCO D'AUGUSTO
2000, disegno su carta

AOSTA: ARCO D'AUGUSTO 2000, disegno su carta

LO STAMBECCO DEL GRAN PARADISO
1999, disegno su carta

LO STAMBECCO DEL GRAN PARADISO 1999, disegno su carta

COURMAYEUR:L'AGUILLE NOIRE DE PEUTEREY
1999, disegno su carta

COURMAYEUR:L'AGUILLE NOIRE DE PEUTEREY 1999, disegno su carta

CHATEAU DE VERRES
1999, disegno su carta

CHATEAU DE VERRES 1999, disegno su carta

AUTORITRATTO
1998, disegno su carta

AUTORITRATTO 1998, disegno su carta

 
In questa occasione l'artista presenta il lavoro pi¨ recente , una serie composta da 26 disegni di soggetto valdostano. Baumgartner ha percorso le cittadine ed i borghi, passeggiando sulle piccole strade, inerpicandosi sui sentieri e tra i boschi alla ricerca di una veduta particolare, di una prospettiva inusuale; ha selezionato e tradotto le immagini in disegni dall'inconfondibile segno grafico, dalla personalissima "cifra alfabetica". Dai monumenti di Aosta, all'architettura alpina, dagli animali ai fiori, ogni luogo e ogni elemento Ŕ stato trasfigurato dagli occhi dell'artista che, con la sua sensibilitÓ, ha permesso di svelarne i lati pi¨ spirituali.
Baumgartner aveva giÓ in precedenza dedicato un lavoro alla Valle d'Aosta. Nel 1963, infatti, per celebrare il centenario della prima ascensione alla vetta del Cervino, aveva ricevuto, assieme ad altri artisti italiani e stranieri, l'invito a dipingerne la montagna. Il risultato di quella fatica fu pubblicato in due raffinati volumi, a cura di Ernesto Caballo.
Fritz Baumgartner Ŕ nato in Austria nel 1929 ed ha iniziato a dipingere a Monaco di Baviera, dove la sua famiglia si era trasferita. Dopo gli studi all'Accademia di Belle Arti, nel 1955 si iscrive all'Accademia Internazionale Estiva di Salisburgo, per frequentare i corsi di Oskar Kokoschka. Nella seconda metÓ degli anni cinquanta si trasferisce a Parigi e lavora all'AcadÚmie de la Grande ChaumiÚre. A quegli anni risalgono le prime mostre in Germania, Olanda, Francia, Lussemburgo ed Italia, proseguite nelle decadi successive. Arturo Bottarello, direttore della galleria L'Approdo di Torino, che ha realizzato la sua prima mostra italiana lo descrive cosý: "Artista inquieto e poliedrico, senza alcun dubbio uno dei pi¨ interessanti disegnatori e grafici contemporanei, uomo colto dotato di un senso totale dell'esistenza, un'intelligenza vitale e partecipazioni non comuni con un modo di pensare, vedere e sognare l'essenza della vita che si dilata anche fra la gente."
La mostra Ŕ corredata da un catalogo, edito da Priuli e Verlucca, il cui testo critico Ŕ curato da Angelo Mistrangelo.



Torna su