Passeggiata archeo-botanica

L’erba voglio e le mele del Re

Passeggiata archeo-botanica in occasione

dell’International Museums Day

 

 

L'Assessorato dell’istruzione e cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta, in occasione dell’International Museums Day, organizza martedì 24 maggio dalle ore 17 alle ore 19 nell’area degli Orti comunali adiacenti al MAR-Museo Archeologico Regionale di Aosta, una passeggiata archeo-botanica, intitolata  L’erba voglio e le mele del Re.

 

Considerato il forte interesse suscitato dagli eventi organizzati dalla Struttura patrimonio archeologico nell’ambito dei Viaggi nell’alimentazione organizzati in seguito all’accordo I musei italiani per EXPO con il contributo del MIBACT, l’Assessorato, con questa nuova iniziativa, intende sostanziare la propria collaborazione al progetto Hortus inclusus, nato tra alcune realtà dell’associazionismo Valdostano, la Cooperativa anziani per l’autogestione degli orti comunali e l’Amministrazione comunale della città di Aosta.

 

Ogni anno - spiega l’Assessore Emily Rini - l’ICOM (International Council Of Museums) individua un tema che i Musei declinano liberamente organizzando una giornata ad esso dedicato. Quest’anno l’attenzione è rivolta ai “Musei e paesaggi culturali”. Quale occasione migliore poteva esserci per evidenziare la relazione topografica e culturale esistente tra il nostro MAR-Museo Archeologico Regionale, con le sua già vivacissime attività, e gli adiacenti orti comunali? Crediamo che i Musei abbiano una forma di responsabilità nei confronti della propria comunità e del contesto in cui sorgono e nel caso del MAR questa missione è da anni rivolta a tematiche che creino un ponte virtuale tra le riflessioni sul presente e la memoria del passato. Il Comune di Aosta riqualifica e di valorizza, con il progetto Hortus inclusus, un’area verde pubblica facendo scoprire ai cittadini un sito di elevato valore naturalistico. Il contributo culturale portato e supportato dall’Assessorato integrerà la conoscenza di una porzione di città ancora poco nota.

 

Gli appuntamenti, rivolti a chi è interessato a riscoprire e approfondire le radici antropologiche, geografiche e naturalistiche del territorio, sono condotti in forma di dialogo tra l’archeologo e il botanico.

 

Prenotazioni obbligatorie: 348/75.44.726

 



Torna su