Invasioni digitali alla Villa romana della Consolata

Pronti a “invadere” la Villa romana della Consolata di Aosta?

“Culture has no borders”, “la Cultura non ha confini”: questo il motto dell’edizione 2017 delle “Invasioni Digitali”, evento internazionale di comunicazione e diffusione del patrimonio culturale che si avvale del potere pervasivo dei social media.

Giunte alla quinta edizione, le Invasioni Digitali si terranno in tutta Europa dal 21 aprile al 7 maggio 2017 coinvolgendo decine di migliaia di persone e innescando, così, centinaia di migliaia di post dove protagonisti saranno i Beni Culturali e i territori in cui si trovano.

Dopo l’edizione 2013 con Castel Savoia, quella del 2014 col Forte di Bard, il 2015 con Aosta romana e infine quella dell’anno scorso col Castello Sarriod de La Tour di Saint-Pierre, anche quest’anno la Valle d’Aosta, su iniziativa dell’Assessorato Istruzione e Cultura e dell’Assessorato al Turismo, partecipa alle Invasioni invitando ad assediare la Villa romana della Consolata, ad Aosta, nel pomeriggio di domenica 7 maggio.

 

Oltrepassiamo, dunque, i “confini” della cinta muraria di Augusta Prætoria per dirigerci verso nord, verso la prima collina, quella che in età imperiale romana doveva presentarsi costellata di ville di campagna, ricche e raffinate dimore extraurbane cui però non mancavano opportuni settori di servizio legati alle attività agricole praticate nella zona.

Una villa sontuosa, oltretutto l’unica restituitaci dal territorio valdostano, in posizione defilata rispetto al centro di Aosta, che va valorizzata e fatta conoscere.

Immaginate come doveva essere…Prati, orti, frutteti e vigneti; una villa terrazzata aperta verso sud, un trionfo di cortili, porticati, giardini e giochi d’acqua. Una dimora elegante, raffinata, ariosa, invasa dal sole…

Domenica 7 maggio, quindi, dalle 14.00 alle 18.00 gli “invasori”, accompagnati dagli archeologi della Soprintendenza, durante le visite guidate gratuite saranno invitati a fotografare, postare, anche con brevi video “live” e soprattutto a condividere la Villa romana di Aosta. Più condivisioni ci saranno e più si potrà far conoscere questo sito tutto da scoprire.

 



Torna su