Le politiche per lo sviluppo

Oggi ancor di più si avverte la necessità di una strategia reticolare, che nasca e si sviluppi in un nodo complesso di relazioni. È necessaria l’esistenza di un sistema locale che si colleghi con reti e punti di incontro capaci di rendere attrattivi gli investimenti sul nostro territorio, piuttosto che i prodotti e i servizi che nella nostra Regione si sviluppano.

Su terreni come quelli delle produzioni a tecnologia medio-alta, ma anche della ricerca, dell’istruzione superiore e dell'università, la Valle può aspirare ad essere il nodo di una rete nella quale interagire a pieno titolo.

Nella prospettiva dello sviluppo è opportuno dare impulso alla cooperazione internazionale, ricercando possibili nuovi mercati per l'attività di esportazione, favorendo nel contempo una migliore conoscenza del sistema Valle d'Aosta e della sua produzione.

Una corretta politica per lo sviluppo non può prescindere da un'innovativa progettualità in campo formativo, universitario e culturale.

Deve esserci innovazione ed equilibrio anche nel settore dei servizi, in particolare deve essere assecondata e promossa la vocazione turistica della realtà valdostana.

Se gli obiettivi così delineati in termini molto generali possono essere tradotti in progetti nell’ambito del patto per lo sviluppo, cruciale diventa il tema delle strutture di implementazione, che comporta l'integrazione fra le strutture organizzative esistenti e quelle di nuova creazione.

La creazione di nuove strutture, auspicabilmente “leggere”, e la razionalizzazione di quelle esistenti, oltre ad un complessivo coordinamento delle loro azioni, appare inevitabile in riferimento a compiti come il sostegno all’export, la ricerca di partnership e l’attrazione di risorse esterne.

La scelta degli strumenti tiene conto della riforma dei servizi camerali, ma pare fin d'ora necessaria la creazione di strutture “antenne” rivolte all'esterno, per meglio utilizzare le opportunità derivanti da una fattiva cooperazione internazionale, così come particolari problematiche di sviluppo, specie se legate a processi di rivalorizzazione di aree depresse, saranno affrontate valutando ogni possibile strumento, sia esso comunitario o nazionale, che possa risultare utile e appropriato.

 

Économie et activités productives



Retour en haut