Regione Autonoma Valle d'Aosta - Sito ufficiale LoveVdA
Cerca nel sito   Ricerca avanzata
Home page Link Mappa del sito Novità Contatti ITA FRA

    I risultati della Giunta 1998
  Presidenza della Giunta regionale
  Assessorato agricoltura e risorse naturali
  Assessorato bilancio, finanze e programmazione
  Assessorato industria, artigianato e energia
  Assessorato istruzione e cultura
  Assessorato sanità, salute e politiche sociali
  Assessorato territorio, ambiente e opere pubbliche
  Assessorato turismo. sport, commercio e trasporti
    Dipartimento sovrintendenza agli studi


Coopération transfrontalière

Convention entre la Région Autonome Vallée d’Aoste et le Rectorat de l’Académie de Grenoble

Cette Convention renouvelée en janvier 1998 pour une durée de 2 ans est un élément du cadre de référence à l’accord de partenariat conclu le 11 septembre 1996 pour le programme Interreg (qui est en vigueur jusqu'à décembre 1999).

La coopération est axée sur l’engagement réciproque à mettre en place et à réaliser des actions dans les domaines de l’éducation, de la formation et de la culture.

Un groupe de travail permanent franco-valdôtain constitué de responsables du système éducatif des deux régions a été mis en place pour proposer, préparer, suivre et évaluer les actions transfrontalières sur cinq axes:

  • échanges écoles primaires;
  • coopération collèges / écoles moyennes;
  • coopération lycées / écoles supérieures;
  • formation professionnelle/ relation école-entreprise;
  • réseau télématique transfrontalier.

Échanges écoles primaires

Les échanges de classes ont continué selon la formule des années: environ 80 élèves ont été concernés. Les échanges de maîtres ont démarré à l’automne selon la formule d’une semaine dans la classe du partenaire. Ces échanges se poursuivront sous forme de correspondance par le réseau Internet.

Le projet à la fin de l’année scolaire pourra inclure un échange des élèves qui seront hébergés dans les familles respectives ou en centres d’accueil.

L’initiative a un double intérêt. Pour les élèves: favoriser la connaissance de l’autre dans le cadre de l’Europe; vivre des situations de classe avec des enseignants de langue françaises. Pour les instituteurs: perfectionner leur connaissance de la langue française; connaître un autre système éducatif.

Coopération collèges / écoles moyennes

Environ 700 élèves valdôtains et 800 de la Haute-Savoie ont été concernés par des activités didactiques communes, grâce aux jumelages des 10 établissements valdôtains avec 22 collèges savoyards. Les enseignants impliqués sont environ 90 pour le Val d'Aoste.

Deux rencontres interétablissements ont eu lieu à Cormayeur et à Sallanches pour la concertation didactique des projets transfrontaliers, la planification des échanges de classes, ainsi que pour le bilan des initiatives et la mise en perspective des actions. A ces rencontres ont participé environ 90 personnes d’un côté et de l’autre de la frontière.

Au printemps ont démarré les échanges de professeurs impliquant 5 enseignants d’école moyenne et 4 de collège selon la formule de la co-animation.

Une formation transfrontalière sur le thème "Formes sonores et formes plastiques" a été organisée en collaboration avec l’Inspection Académique à l’intention de 13 professeurs valdôtains et 13 français et a eu lieu à Aoste les 22 et 23 octobre 1998.

Toujours à Aoste, le 16 octobre 1998, a eu lieu un stage de formation à l’intention de professeurs d’école moyenne, de lycée et des instituteurs impliqués dans les échanges de maîtres sur le thème "Les échanges éducatifs".

Coopération lycées / écoles supérieures

Les initiatives proposées par la coopération se sont réalisées dans les actions suivantes :

  • 16 professeurs ont participé à Aoste, le 16 octobre 1998, à un stage de formation à l’intention de professeurs d’école moyenne, de lycée et des instituteurs impliqués dans les échanges de maîtres, sur le thème "Les échanges éducatifs".
  • Dans le cadre des échanges de professeurs, 5 enseignants français ont été accueillis dans des écoles du VDA.
  • Cinq chefs d’établissement ont participé à des formations à Grenoble à l’intention des personnels de direction.
  • Trois projets transfrontaliers de classes ont été réalisés.

Formation professionnelle / relation école-entreprise

Dans ce cadre, ont été réalisés des séjours de 27 jeunes stagiaires accomplissant une période de formation en entreprise de part et d’autre de la frontière.

Réseau télématique transfrontalier

La formation IRRSAE à l’intention des documentalistes-personnes ressource a impliqué 18 enseignants d’école moyenne, 16 d’école supérieure et 27 d’école primaire.

Colloques transfrontaliers

Un colloque transfrontalier a été également organisé à Annecy le-Vieux les 19 et 20 novembre 1998 à l’intention de tous les acteurs de la coopération, dans le but de faire le bilan des actions réalisées et de lancer des perspectives pour le futur. Ce colloque s’est révélé une occasion importante de prise de contacts, de confrontation et d’approfondissement de thématiques, d’ouverture interculturelle.

Y ont participé 70 Valdôtains (enseignants et chefs d’établissement de tous les ordres d’école), des invités étrangers et des représentants de régions européennes.

Initiatives de soutien à l’éducation bilingue

École Élémentaire

La "Minifoire" didactique est entrée dans la tradition formative de l’école élémentaire de notre Région. Cette exposition, qui a eu lieu les 7 et 14 octobre 1998 a atteint sa 8ème édition. Elle a été concentrée sur l’apprentissage des deux langues et, en particulier, sur la présentation des "séquences didactiques" bilingues rapportées à la didactique de textes descriptifs, narratifs et argumentatifs.

L’intérêt à la manifestation de la part des enseignants est prouvé par le numéro des participants (275 enseignants dans les deux journées).

École Moyenne

Dans le cadre des actions favorisées par le Comité technique consultatif prévu par l’art. 5 de la loi régionale n. 53 du 1994, les activités du projet "Disciplines et bilinguisme" ont été particulièrement suivies.

Le Projet, arrivé à sa troisième année de vie, a été une opportunité forte d’agrégation d’enseignants vivement intéressés à mener une réflexion et une expérience de recherche-action sur l’enseignement disciplinaire bilingue (disciplines concernées: Maths, Histoire, Éducation artistique).

Finalisé aussi à la création d’habitudes de travail réfléchies et soumises à des procédures d’observation et d’auto-observation dans les pratiques de classe, le Projet, qui objectivement a réuni un nombre d’enseignants plutôt restreint mais stable dans les trois années, a contribué à faire avancer fortement la réflexion sur la didactique bilingue et se propose, dans le suivi de 1998/1999, de disséminer au moyen d’un réseau de travail plus ramifié à l’intérieur des établissements scolaires, les acquis théoriques et pragmatiques de l’expérience et les séquences produites.

Le projet a été évalué favorablement des enseignants participants qui ont apprécié la formation continue permettant de se confronter et d’élaborer des matériels expérimentés dans leurs classes, avec le support d’experts et de discipline et de langue.

École Supérieure

Afin de former les enseignants et de perfectionner les compétences en langue française des élèves, des initiatives multiples ont été prises.

En particulier, dans le domaine scientifique et technologique, 8 établissements scolaires et 28 professeurs ont participé à la formation prévue par les "Classes Villette" - La Cité des Sciences et de l’Industrie de Paris. L’activité est poursuivie avec les élèves qui ont fréquenté les Classes Scientifiques et Technologiques sur les thèmes des Sciences, Art, Technique, Communication, Biologie.

De même, les Classes Vertes - Paysalp ont concerné 8 professeurs et leurs élèves et ont touché les thèmes de l’environnement, du patrimoine, de l’échosystème....

Ces expériences ont fortement contribué à l’acquisition de connaissances spécifiques en vue de projets pédagogiques bilingues pluridisciplinaires et à la production de matériel didactique.

De plus, 20 professeurs environ ont participé aux XXèmes Journées Internationales des Sciences et au VIII Festival des Sciences de Chamonix.

Organico funzionale di circolo

Dopo una lunga fase preliminare di studio e di concertazione con gli operatori del settore si è pervenuti all’attivazione dell’Organico Funzionale di Circolo.

L’operazione, che ha interessato circa il 75% dei plessi di scuola elementare della Regione, ha comportato una razionalizzazione ed un riequilibrio nell’utilizzazione delle risorse ed ha permesso alle scuole di organizzare una serie di Progetti innovativi sul piano del miglioramento dell’offerta formativa.

I Progetti su tutto il territorio regionale sono in totale 37 e normalmente prevedono che uno o più insegnanti, liberati parzialmente dagli impegni di classe si dedichino alla realizzazione di attività innovative.

Fra queste quelle più frequenti sono:

  • l’introduzione delle nuove tecnologie con la creazione di laboratori di informatica;
  • il recupero dell’insuccesso scolastico;
  • nuove metodologie nel campo della matematica, della lingua e della storia.

In due casi è previsto un progetto di tempo lungo, in cui è previsto cioè che siano gli insegnanti di classe a gestire la mensa scolastica per renderla un momento più educativo.

Assegnazione Personale Scolastico

Un aspetto senz'altro positivo dell'attività dell'Ufficio Scolastico nell'anno 1998 risiede nella tempestività con la quale si sono compiuti gli adempimenti connessi con l'avvio dell'anno scolastico 1998/99; nonostante le fisiologiche complicazioni derivanti dall'impossibilità di dare un assetto definitivo all'organico di fatto prima dell'inizio dell'anno scolastico,

  • nell'ultima settimana di agosto le scuole secondarie hanno avuto formale comunicazione del numero di classi autorizzate al funzionamento;
  • alla data del 2 settembre erano già pubblici gli organici di fatto delle scuole primarie;
  • il successivo 9 settembre erano già ufficializzati anche gli organici degli istituti secondari;
  • il 14 settembre, data di inizio delle lezioni, le scuole primarie disponevano di oltre il 98% del personale docente previsto in organico, le scuole medie dell'85% circa e gli istituti superiori di oltre il 70%;
  • al termine della prima settimana di lezione per tutte le scuole materne, elementari e medie era stata assicurata la totale copertura dei posti assegnati, mentre per gli istituti superiori, a causa della stasi derivante dalle reiterate rinunzie degli aspiranti interpellati, rimaneva da assegnare un 2% circa dei posti;
  • alla data del 24 settembre anche per tali istituti era definitivamente completata l'assegnazione del personale.

Inserimento Alunni Disabili

Integrazione Scolastica

Per avere un quadro generale dell'integrazione scolastica sono state organizzate in corso d'anno delle riunioni con la presenza dei Capi d'Istituto delle scuole di ogni ordine e grado e degli operatori socio-sanitari dei vari distretti. Tali riunioni sono state, in linea generale, così suddivise:

  • una all'inizio dell'anno scolastico per formulare le modalità di collaborazione (numero dei casi da seguire, definizione degli operatori socio-sanitari coinvolti nella conduzione dei casi );
  • una a metà anno scolastico per la verifica del lavoro svolto, per l'esame delle nuove segnalazioni di stati di disagio e per l'esame delle nuove richieste di organico.

Seminario di Aggiornamento Progressivo sul tema: "L'integrazione Scolastica degli Alunni Disabili"

Il seminario, organizzato in collaborazione con i componenti del GLIR (Gruppo di Lavoro Interistituzionale Regionale l. 104/92 art. 15), ha avuto l'intento di fornire spunti e riflessioni comuni su problemi clinici e pedagogici che si presentano agli insegnanti nel rapporto con un allievo disabile. Si è utilizzato sia il contributo di qualificati esperti esterni sia la valorizzazione dell'esperienza maturata in Valle attivando uno sforzo di integrazione tra componenti sanitarie e pedagogiche. E' stata richiesta ai partecipanti, oltre alla motivazione iniziale, anche la disponibilità a fornire i suggerimenti e le collaborazioni necessarie per un ulteriore sviluppo delle attività di aggiornamento.

Considerata la partecipazione numerosa degli insegnanti sono stati utilizzati due moduli formativi:

  • Un gruppo per gli insegnanti delle scuole secondarie di I e II grado.
  • Due gruppi per gli insegnanti delle scuole elementari e materne.

Tale distinzione si è resa necessaria anche per differenziare gli interventi formativi in funzione delle diverse realtà scolastiche. Questa formula stimola maggiormente la partecipazione degli insegnanti.

Assistenti Educatori

Organizzazione di due giornate introduttive di formazione rivolte agli assistenti educatori in servizio presso le istituzioni scolastiche sulle seguenti tematiche:

  • organizzazione dell'istituzione scolastica;
  • spiegazioni relative alle prassi burocratiche e compilazione modulistica;
  • handicap e sue implicazioni. La diagnosi;
  • ruolo e competenze dell'educatore nella scuola. Integrazione tra educatore e insegnante di sostegno. Metodi e strumenti per la progettazione di attività curricolari ed extracurricolari.

Gruppo di Lavoro Misto per l'Area del Disagio

E' stato istituito, su commissione dell'amministratore dell'Azienda USL un gruppo di lavoro misto tra Assessorato all'Istruzione e Cultura, Azienda USL e Assessorato alla Sanità, Salute e Politiche Sociali per l'area del disagio evolutivo.

Il gruppo ha individuato la sua funzione come finalizzata alla definizione delle modalità di collaborazione tra strutture scolastiche e strutture socio-sanitarie con specifico riferimento alla tematica del disagio in età evolutiva.

Orientamento Scolastico, Universitario e Professionale

ORIENTACTION '98, Giornate per l'orientamento - 19/20 maggio - Gressan

Orientaction '98 è stato un salone di orientamento professionale e universitario rivolto agli studenti che frequentino gli ultimi anni delle scuole medie superiori.

Scopo dell'iniziativa era quello di fornire agli studenti, in uno stesso luogo e mediante il confronto diretto con esperti, informazioni utili a favorire una scelta post-diploma quanto più completa e responsabile possibile.

Orientaction '98 ha visto la partecipazione di trentotto classi degli istituti superiori valdostani che si sono confrontati con rappresentanti di università italiane e straniere (18 stand mirati) e con soggetti del mondo del lavoro valdostano (24 stand mirati).

Formazione dei Docenti sulle tematiche dell'orientamento, in collaborazione col Distretto Scolastico n. 1

Il Distretto Scolastico n. 1, in collaborazione con l'Ufficio Orientamento, ha organizzato un corso di formazione sulle tematiche dell'orientamento scolastico e professionale rivolto ad insegnanti della scuola media inferiore.

Obiettivo del corso è stato di sviluppare competenze che permettano la definizione e l'assunzione del ruolo di insegnanti referenti per l'orientamento, il coinvolgimento degli insegnanti curricolari, l'organizzazione della scuola al suo interno e in un progetto di rete riguardo al processo di orientamento.

La metodologia del corso prevedeva l'integrazione di momenti di approfondimento teorico da parte degli esperti con momenti di riflessione e confronto all'interno del gruppo di docenti, al fine di condividere le esperienze già avviate nella scuola valdostana.

Il corso si è svolto in tre incontri ad inizio d'anno scolastico e prevede un ulteriore momento di valutazione e verifica dei percorsi avviati, a fine anno scolastico.

Consulta degli Studenti

La Consulta degli Studenti è un organismo che ha tra i suoi compiti istituzionali principalmente quello di favorire la comunicazione tra le diverse scuole valdostane mantenendo contemporaneamente i rapporti con le altre consulte a livello nazionale. E' un organo consultivo che può diventare promotore di iniziative interistituto, gestite direttamente dagli studenti in collaborazione con le scuole e con altri organismi sul territorio.

Nel corso dell'anno scolastico 1997/98 l'assemblea della consulta si è riunita a cadenze mensili. Con la presenza del referente e, in qualche occasione della Sovraintendente agli Studi, sono state affrontate alcune tematiche scelte dagli studenti stessi: il bilinguismo nelle scuole superiori, l'orientamento professionale ed universitario, la proposta di attività da avviare tra più istituti.

Gli sforzi vanno ora nella direzione di rendere più operativa la consulta degli studenti, mediante la formazione di commissioni a tema specifico, mediante lo sviluppo di contatti e lo scambio di esperienze tra i vari istituti valdostani e con le consulte provinciali del resto d'Italia.

Educazione Interculturale

Considerata la presenza ormai rilevante di alunni stranieri nella scuola valdostana e il tasso di accrescimento sempre più rapido del fenomeno migratorio registrato dagli anni 90 in avanti, determinato da varie cause oltre che dai fattori tradizionali di natura socio-economica, non ultimi motivi di ricongiungimento famigliare sempre più diffusi su tutto il territorio della Valle e particolarmente marcato nel comprensorio di Aosta e nella media valle, e tenuto conto del fatto che le problematiche derivanti dagli aumentati flussi migratori comportano anche difficoltà di inserimento scolastico dovute non solo a aspetti burocratici-amministrativi ma soprattutto a modalità più complesse di accoglimento sia dal punto di vista organizzativo che da quello culturale, si è cercato di fare una prima analisi delle difficoltà incontrate da tutte le componenti interessate.

Si è reso pertanto necessario un primo censimento dei dati, svolto, non solo a fini statistici per rilevare l’ampiezza del fenomeno immigratorio, ma soprattutto per redigere una biografia scolastica ed in particolar modo linguistica degli alunni interessati al fine di poter meglio definire gli interventi di sostegno utili.

Si è potuto appurare che nelle scuole della Regione erano presenti nel 1994 54 casi, mentre agli inizi del 1997 si registravano già 177 casi per lo più immigrati dal Marocco (25% nella scuola materna, 35% nella scuola elementare, 27% nella scuola media e 13% nella scuola superiore).

Nel grafico sottostante invece si delinea già chiaramente la tendenza in netto aumento delle presenze di stranieri nelle scuole. Inoltre il censimento che è stato riattivato per l’anno scolastico 1998/99 lascia già intravedere una marcata crescita dei dati, determinata da recenti arrivi a seguito di ricongiungimenti familiari.

Iniziative di formazione-aggiornamento

Nel corso del 1998 è stata organizzata una giornata destinata all’educazione interculturale e alle modalità di accoglienza con l’apporto di alcuni esperti di settore. Sono stati particolarmente presi in considerazione gli aspetti relazionali, quelli comunicativi e quelli cognitivi in generale.

Commissione Regionale per la Storia

La Commissione di Studio Regionale per la Storia ha:

  • formulato una proposta per l’adattamento di quanto contenuto nella direttiva n. 681 e nel decreto n. 682 alle specifiche esigenze della Valle d’Aosta e ai bisogni formativi del relativo personale docente;
  • proposto l’organizzazione dell’attività di formazione;
  • analizzato le iniziative nazionali ("tutors" di storia) e discusso sulle eventuali modalità utilizzabili in Valle d’Aosta per promuovere da parte dei docenti l’uso di metodologie ed ausili idonei all’insegnamento della storia, in particolare di quella più recente.

Attività' riguardanti il settore universitario

Importanti novità hanno caratterizzato il settore universitario in Valle d'Aosta.

Da un lato, continua la positiva collaborazione già intercorsa gli scorsi anni con il Politecnico di Torino per l'attivazione del diploma universitario in ingegneria delle telecomunicazioni e la scuola di specializzazione in storia, analisi dei beni architettonici; proseguono, inoltre, i corsi decentrati della facoltà di Scienze politiche dell'Università di Torino.

Dall'altro, ha preso avvio il 17 novembre il corso di laurea in Scienze della formazione primaria, finalizzato alla formazione universitaria dei futuri insegnanti di scuola materna ed elementare. Il corso di laurea è stato attivato grazie alla collaborazione della Regione, dell’Università di Torino, dell' Institut Universitaire de Formation des Maîtres de l’Académie di Grenoble (I.U.F.M.) e dell’ Università di Liegi, secondo quanto previsto da un'apposita Convenzione sottoscritta il 28 marzo scorso.

La convenzione prevede che la struttura didattica preposta al suddetto corso di laurea sia costituita da una Commissione paritetica in cui sono rappresentati tutti gli enti convenzionati ancorché il titolo di studio sia rilasciato dall’Università degli Studi di Torino.

La novità non consiste semplicemente nell’attivazione di un nuovo corso di laurea che si svolge in Valle d’Aosta, ma nelle modalità con cui è stato architettato questo percorso universitario, in applicazione della più recente normativa statale in materia di università che ha dato alla Valle d’Aosta la facoltà di adottare i corsi per la formazione degli insegnanti alla particolare situazione linguistica della Regione.

Il corso di laurea, cui sono iscritti 25 studenti (le richieste di partecipazione sono state 50) sarà tenuto da docenti italiani, francesi e belgi. Esso prevede, inoltre, un soggiorno in una sede universitaria francofona per la durata di almeno un semestre.

Se il corso di laurea in Scienze della formazione e le altre iniziative di carattere universitario menzionate rappresentano l'esistente dell'offerta formativa a livello universitario in Valle d'Aosta, non bisogna dimenticare che due appositi organismi, il Comitato promotore ed il Comitato scientifico dell'Università, stanno lavorando per l'istituzione della libera Università della Valle d'Aosta. Non sono ancora state individuate le facoltà che faranno capo all'istituenda Università, ma è certo che si tratterà di corsi di studio non in diretta concorrenza con le università italiane e straniere viciniore, che si caratterizzeranno in relazione alle ridotte dimensioni dell'utenza e che presenteranno un'articolazione dell'offerta formativa nel senso di una forte qualificazione a livello internazionale, seppure nel rispetto della vocazione culturale della nostra Regione. I Comitati termineranno i loro lavori entro la fine del mese di febbraio. Il progetto istitutivo dell'Università della Valle d'Aosta sarà quindi sottoposto all'esame dell'Osservatorio per la valutazione del sistema universitario.

Nuova Disciplina dell'Esame di Stato

La prova di francese in Valle d'Aosta

La legge 10 dicembre 1997, n. 425 (Disposizioni per la riforma degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore) ha ridefinito le modalità di svolgimento degli esami conclusivi dei corsi di istruzione secondaria superiore.

Per la Regione Valle d'Aosta la citata legge prevedeva, all'art. 3, comma 5, che l'accertamento della conoscenza della lingua francese avvenisse nell'ambito delle tre prove scritte di cui una, a scelta del candidato, doveva essere svolta in tale lingua.

Le difficoltà conseguenti ad una tale impostazione sono state oggetto di precise prese di posizione da parte di docenti, studenti, organizzazioni sindacali scolastiche regionali, nonché dal Consiglio regionale, dimostratisi concordi nel richiedere una modifica dell'art. 3, comma 5, della legge 425/97.

Allo scopo, è stato introdotto dall'articolo 1, comma 22, della legge 16 giugno 1998, n. 191 (Modifiche ed integrazioni alle leggi 15 marzo 1997, n. 59 e 15 maggio 1997, n. 127, nonché norme in materia di formazione del personale dipendente e del lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni. Disposizioni in materia di edilizia scolastica) - cosiddetta legge Bassanini ter - un comma 20 bis all'articolo 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59 (Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa) - cosiddetta "legge Bassanini" -, che testualmente recita:

"Con la stessa legge regionale la Regione Valle d'Aosta stabilisce tipologia, modalità di svolgimento e certificazione di una quarta prova scritta di francese, in aggiunta alle altre prove scritte previste dalla legge 10 dicembre 1997, n. 425 in merito agli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore. Le modalità e i criteri di valutazione delle prove d'esame sono definiti nell'ambito dell'apposito regolamento attuativo, d'intesa con la Regione Valle d'Aosta. E' conseguentemente abrogato il comma 5 dell'articolo 3 della legge 10 dicembre 1997, n. 425".

L'articolo sopra evidenziato ha individuato due fasi per la disciplina della materia:

  • una legge regionale con la quale sono state stabilite tipologia, modalità di svolgimento e certificazione della prova di francese;
  • un apposito regolamento statale, predisposto d'intesa con la Regione, che definirà le modalità ed i criteri di valutazione delle prove d'esame.

Il Consiglio regionale ha votato, in data 8 ottobre scorso, un'apposita legge concernente: "Disciplina dello svolgimento delle prove di francese agli esami di Stato in Valle d'Aosta".

Relativamente al testo della legge, si sottolineano i seguenti aspetti.

In Valle d'Aosta, oltre alle tre prove scritte ed al colloquio pluridisciplinare contemplati dalla legge 425/1997, sono previsti una quarta prova scritta ed un colloquio in lingua francese.

L'introduzione di una quarta prova di francese, scritta ed orale, consegue alla particolarità dell'ordinamento scolastico regionale ed al ruolo che tale disciplina riveste in ogni corso di studio, dove è insegnata per un numero di ore settimanali pari a quello stabilito per la lingua italiana. Le prove sono inoltre funzionali al rilascio di apposita certificazione valida per l'accesso agli impieghi negli enti pubblici della regione.

Le tipologie della prova scritta sono individuate dall'Assessore competente in materia di istruzione, il quale provvede anche alla formulazione dei testi della prova.

La certificazione del superamento della prova di francese è contenuta in una apposita sezione del diploma finale. La votazione, risultante dalla media tra prova scritta ed orale, è espressa in decimi con frazioni di mezzo punto.

Ai fini dell'accesso all'impiego nelle amministrazioni pubbliche e all'insegnamento, il possesso della certificazione esonera da ogni ulteriore prova di accertamento della conoscenza della lingua francese, limitatamente alle qualifiche funzionali per le quali è richiesto un diploma di scuola media superiore.

Per ovviare alle difficoltà che incontreranno capi di Istituto e docenti per affrontare il nuovo esame di Stato, l'Amministrazione ha provveduto a:

  • organizzare corsi di formazione destinati ai Presidi;
  • finanziare in ragione di Lire 1.800.000 per ogni classe terminale gli istituti scolastici di 2° grado ai fini della formazione dei docenti;
  • provvedere alla stampa di un opuscolo illustrativo, destinato a docenti e studenti per meglio chiarire le novità introdotte dal nuovo esame di Stato.

Educazione alla salute

Svariate iniziative si sono svolte nel corso del 1998. In particolare:

Progetto "Zaini: il peso della cultura?"

Nell’anno scolastico 1997/1998, in collaborazione con gli allievi e i docenti della Formazione del Personale Infermieristico, l’Assessorato ha avviato, nell’ambito delle scuole medie di I° grado della regione, il progetto di educazione alla salute "Zaini - il peso della cultura" con le seguenti finalità:

  • la raccolta di dati inerenti: il peso dello zaino - il contenuto - il rapporto tra peso dello studente/altezza/peso dello zaino; l’elaborazione dei dati raccolti e relative rappresentazioni statistiche e stesura relazione finale;
  • elaborazione di un programma di educazione sanitaria sull’utilizzo dello zaino per le classi coinvolte nell’indagine già effettuata dalla Scuola suddetta nell’anno scolastico 1996/1997; realizzazione di eventuali interventi educativi mirati a migliorare l’utilizzo dello zaino e prevenire le patologie muscolo/scheletriche dell’età evolutiva.

In data 18 maggio 1998, presso la sala conferenze della Biblioteca regionale si è tenuta una conferenza per illustrare gli esiti dell’indagine.

Progetto "Bruno et le 118"

In collaborazione con gli Assessorati Sanità, Salute e Politiche Sociali e Agricoltura e Risorse Naturali e con il "118" è stata promossa nell’anno scolastico 1997/1998 la realizzazione del progetto denominato "Bruno et le 118", per gli alunni delle scuole elementari e medie di primo grado della Regione. Finalità dell’iniziativa:

  • prevenzione degli incidenti infantili;
  • conoscenza dei comportamenti a rischio e dell’acquisizione dei corretti principi di primo soccorso.

Per contribuire alla diffusione di una cultura della prevenzione e dell’urgenza è stato predisposto:

PER GLI ALUNNI DELLE SCUOLE ELEMENTARI

- un libretto contenente informazioni sui comportamenti a rischio, del cosa fare, quando farlo, come farlo, notizie sul pronto soccorso, riconoscimento degli operatori del "118";

- carta d’identità sanitaria;

PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE MEDIE

- un dépliant contenente nozioni di prevenzione e pronto soccorso.

Con la collaborazione degli operatori del Soccorso Sanitario "118" è stata, inoltre, organizzata per gli alunni delle scuole elementari la Giornata sulla prevenzione con giochi e dimostrazioni sul tema del soccorso. La manifestazione si è svolta giovedì 21 maggio con la partecipazione di circa 850 alunni.

Edilizia Scolastica

A seguito dell'entrata in vigore della legge 11 gennaio 1996, n. 23, sono stati istituiti due gruppi di lavoro, incaricati di analizzare i diversi problemi del settore "edilizia scolastica" e di formulare proposte operative. Gli stessi gruppi di lavoro dovrebbero inoltre aver concluso lo studio concernente norme tecniche per la progettazione e la realizzazione di opere di edilizia scolastica, che tengano conto anche della specificità locale, così come previsto dalla sopracitata legge 23/96.

Con deliberazione della Giunta n. 5822 del 20 dicembre 1996 è stato predisposto il piano triennale di interventi edilizi e, per la prima annualità, hanno beneficiato i Comuni di Charvensod, Champdepraz e, parzialmente, Sarre.

Con decreto 8 giugno 1998 del Ministero della Pubblica Istruzione, alla Regione è stata affidata la somma di lire 4.434.100.000 e sono stati avviati i progetti relativi alla seconda annualità relativa al 1997.

Per quanto riguarda la situazione della riconversione dell'edificio denominato "Cotonificio Brambilla" di Verrès, si segnala che, nel mese di maggio, è stato approvato il progetto esecutivo dei lavori con relativo impegno della spesa di lire 53 miliardi. L'Ufficio dei Lavori Pubblici competente predisporrà il bando per l'appalto. I lavori avranno una durata di circa 3 anni.

Per quanto attiene la situazione della città di Aosta si segnala quanto segue:

  1. I lavori di adeguamento della scuola media Cerlogne dovrebbero avere inizio nell'estate del 1999; tutto è subordinato al reperimento di una idonea sistemazione provvisoria che possa garantire l'attività scolastica durante i lavori di ristrutturazione (incombenza del Comune). A lavori ultimati si potrà trasferire l'immobile al comune.
  2. E' in corso la progettazione per la ristrutturazione dell'ala ovest del Piccolo Seminario, che dovrebbe essere destinato a sede del Liceo Classico;

- l'ala est, già ristrutturata, dovrà ospitare il Diploma universitario e riservare alcuni locali destinati alle situazioni di emergenza;

- la cappella del Piccolo Seminario, anch'essa assunta in locazione dall'Amministrazione regionale, dovrebbe diventare sede dell'Istituto Musicale, previ lavori di insonorizzazione.

Diritto allo Studio

Con riferimento al diritto allo studio nell’ambito universitario, la spesa complessiva stanziata dalla Regione, relativamente all’anno accademico 1997/1998, ammonta a lire 3.600.000.000, così ripartita:

  • lire 2.450.000.000 per borse di studio (importi variabili da 2.100.000 a 4.650.000); tale stanziamento è comprensivo anche delle agevolazioni supplementari per studenti partecipanti a programmi comunitari (+ 50% dell’importo della borsa e + 50% dell’importo del contributo affitto di cui al successivo punto);
  • lire 900.000.000 per contributi affitto, cumulabili con le borse di studio (importi variabili da lire 1.070.000 a 2.200.000);
  • lire 40.000.000 per sussidi straordinari (importo massimo individuale 4.300.000);
  • lire 80.000.000 per sussidi corsi post laurea (importo massimo individuale 13.000.000 ;
  • lire 60.000.000 per preparazione tesi (importo massimo individuale 5.000.000) e premi per tesi di interesse regionale (importo massimo individuale 1.000.000);
  • lire 70.000.000 per associazionismo universitario (iniziative studenti lavoratori);

Lo stanziamento sul bilancio regionale, per l’anno 1999, ammonta a circa 3.500.000.000 di lire per i diversi interventi.

Educazione Ambientale ed Artistica

A seguito dell'attribuzione all'Assessorato Istruzione e Cultura dei compiti di educazione ambientale, l'obiettivo prioritario è stato un approccio costruttivo alla qualificazione ed al rafforzamento delle attività precedentemente svolte nelle scuole di ogni ordine e grado, tenendo conto delle esigenze di continuità e nella consapevolezza della necessità di formare le giovani generazioni affinché mantengano, salvaguardino e migliorino la qualità dell'ambiente.

Il programma dell'Assessorato tende a:

  • favorire l'autonomia delle scuole per quanto riguarda iniziative didattiche e progetti ambientali;
  • proporre esperti singoli o esperti di cooperative che, da anni, affrontano con le scolaresche temi di carattere ambientale;
  • avvalersi di esperti dei beni archeologici ed artistici quale valido supporto per il personale docente;
  • collaborare con l'A.I.I.G., che da anni affronta temi di carattere culturale e scientifico in materia di educazione ambientale;
  • valorizzare tutte quelle proposte, quelle iniziative, quei progetti che coinvolgono conoscenze, esprimono valori, sensibilizzano, costruiscono e diffondono comportamenti propositivi verso il contesto ambientale.

Informatizzazione scuole

Nell'ambito del progetto MI.RE.TE (Mise en Réseau Télématique) sono praticamente informatizzate tutte le scuole medie della Regione, inoltre sono stati informatizzati gli istituti superiori e le scuole elementari previsti nel 1998. Le scuole dotate di tali attrezzature sono pertanto in grado di usufruire della posta elettronica per gli scambi con le altre scuole e dell'accesso a INTERNET tramite il server regionale.

Per il prossimo anno è previsto il completamento dell'informatizzazione degli istituti superiori rimanenti e di alcune scuole elementari, come da programma.

L'Ufficio scolastico offre a tutte le scuole il necessario supporto tecnico didattico, in collaborazione anche con esperti presenti con riferimento alle problematiche relative all'informatica, inoltre alla formazione dei docenti sullo sviluppo delle tecnologie informatiche.

Protocollo d'intesa Regione - Coni per l'utilizzo delle Palestre Scolastiche della Città' di Aosta

In data 29 ottobre 1998 è stato siglato il protocollo di intesa Regione - CONI per l'utilizzo delle palestre scolastiche della Città di Aosta.

L'accordo prevede la cessione in uso delle palestre scolastiche regionale (che sono 11) in orario extrascolastico, della Città di Aosta, al Comitato locale CONI che provvede alla loro distribuzione alle Società sportive ed agli Enti interessati.

In cambio l'Amministrazione regionale dovrebbe percepire il canone ricognitorio (1/10 del valore di mercato),previsto dalla legge.

L'Amministrazione continuerà a farsi carico del personale di pulizia, vigilanza, dei costi di manutenzione e del funzionamento delle palestre.

Il protocollo permette, tra l'altro, la possibilità di accesso agli impianti, negli orari richiesti, anche durante i periodi di chiusura della scuola (vacanze di Natale, Pasqua ed estive) secondo le esigenze delle differenti società.

Piano Regionale di Aggiornamento del Personale Ispettivo, Direttivo e Docente delle Scuole Regionali

Approvato dalla Giunta, contiene le iniziative promosse dall'Assessorato regionale Istruzione e Cultura, i progetti i aggiornamento formulati dai collegi dei docenti, le proposte di enti culturali, istituti scientifici e associazioni professionali esterne all'Amministrazione, nonché gli interventi programmati dall'I.R.R.S.A.E..

Esso recepisce il contenuto del protocollo d'intesa regionale siglato con le Organizzazioni sindacali di categoria già nel 1996 ed ha comportato un impegno finanziario complessivo di circa L. 1.200.000.000.

Oltre alle attività specifiche elencate in dettaglio, sono state impegnate:

  • L. 460.000.000 per attività diverse organizzate direttamente dalla Sovraintendenza agli Studi;
  • Lire 30.000.000 per attività organizzate da Enti esterni e finanziati dalla regione;
  • Lire 400.000.000 per finanziamento alle istituzioni scolastiche.

Convegni, Seminari e attività varie

- Dal 2 al 7 marzo 1998, presso il Centro Congressi dell’Hôtel Planibel di La Thuile, si è svolta la dodicesima edizione del convegno internazionale "Les rencontres de physique de la Vallée d’Aoste".

È un convegno sulla fisica delle particelle elementari che si è qualificato come appuntamento fondamentale per valutare lo stato della ricerca a livello mondiale. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

- In collaborazione con l’Assessorato Sanità, Salute e Politiche Sociali è stata organizzata la conferenza "Gli adolescenti fra rischio e benessere - conoscere per prevenire" - Aosta, sala conferenze della Biblioteca regionale - 15 aprile 1998

- Prosecuzione dell’organizzazione dei corsi serali linguistici per adulti, in collaborazione con l’I.P.R. di Aosta e le scuole coordinate. I corsi si prefiggono:

  • la diffusione dell’educazione in età adulta;
  • l’arricchimento culturale finalizzato anche alla crescita professionale;
  • l’occasione per permettere ai giovani e agli adulti di avvicinarsi validamente ad una opportunità formativa;
  • il recupero e lo sviluppo di competenze strumentali e culturali ...

(vedi note allegate).

- Promozione, in collaborazione con l’Associazione "Intercultura" di Roma di n. 1 soggiorno di studio all’estero per uno studente valdostano da effettuarsi nell’anno scolastico 1999/2000.

- Organizzazione del concorso internazionale di letteratura "Jeunes Auteurs". Tema per l’edizione 1998 "La poésie". Consegna ufficiale dei premi ad Aosta - aula magna del Convitto "F. Chabod" - sabato 3 ottobre 1998.

- Promozione di iniziative parascolastiche destinate agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado della Regione per l’anno scolastico 1998/1999: settimane bianche, promozione della montagna, soggiorni di studio e scambi, progetti bilingui, animazioni musicali e teatrali, "scuole aperte", attività di educazione ambientale, viaggi di istruzione a valenza naturalistico-ambientale, educazione alla salute, educazione stradale, ...

- Collaborazione con la Presidenza della Giunta - Direzione Protezione Civile, per l’attuazione del programma educativo "Scuola sicura" finalizzato a:

FAR CONOSCERE

  • compiti, composizione, attività del Servizio della protezione Civile;
  • enti della regione che operano nell’ambito del Servizio;
  • situazioni di rischio incombenti sul territorio regionale.

FORNIRE NOZIONI PRATICHE

  • sui corretti comportamenti di prevenzione, autoprotezione e partecipazione da osservare nelle situazioni di pericolo e nei casi di emergenza.

- Stampa di n. 4 numeri della rivista didattico pedagogica "L’Ecole Valdôtaine" (nn. 39 - 40 - 41 e 42).

- Organizzazione di una serie di conferenze per gli studenti delle scuole secondarie di II° grado, da effettuarsi in data 1° dicembre 1998, in occasione della Giornata mondiale sull’AIDS.

    Assessorato istruzione e cultura
  Dipartimento sovrintendenza agli studi
  Dipartimento cultura

Pagina a cura della Presidenza della Regione © 2000-2001 Regione Autonoma Valle d'Aosta
Condizioni di utilizzo | Crediti | Contatti | Aggiornata il 8/7/2003