Regione Autonoma Valle d'Aosta - Sito Ufficiale

Link Accesso Rapido

Sommario:
Logo

ELEZIONI COMUNALI DEL 23 MAGGIO 2010: IN 68 COMUNI VALDOSTANI SI VOTA PER ELEGGERE IL SINDACO, IL VICE SINDACO E IL CONSIGLIO COMUNALE

Domenica 23 maggio prossimo, dalle 7 alle 22, gli elettori di 68 Comuni saranno chiamati alle urne per eleggere il Sindaco, il Vice Sindaco e il Consiglio comunale.

I Comuni in cui si vota sono: Aosta, Allein, Antey-Saint-Andrè, Arvier, Avise, Aymavilles, Bard, Bionaz, Brissogne, Brusson, Challand-Saint-Anselme, Challand-Saint-Victor, Chambave, Chamois, Champdepraz, Champorcher, Charvensod, Chatillon, Cogne, Donnas, Doues, Emarèse, Etroubles, Fénis, Fontainemore, Gignod, Gressan, Gressoney-La-Trinitè, Gressoney-Saint-Jean, Hone, Introd, Issogne, Jovencan, La Magdeleine, La Salle, La Thuile, Lillianes, Montjovet, Morgex, Nus, Ollomont, Oyace, Perloz, Pollein, Pont-Saint-Martin, Pontboset, Pontey, Pr&acuto;-Saint-Didier, Quart, Rhemes-Notre-Dame, Rhemes-Saint-Georges, Roisan, Saint-Christophe, Saint-Denis, Saint-Marcel, Saint-Nicolas, Saint-Oyen, Saint-Pierre, Saint-Rhémy-en-Bosses, Saint-Vincent, Sarre, Torgnon, Valgrisenche, Valpelline, Valtournenche, Verrayes, Verrès, Villeneuve.

I documenti necessari
Per votare è necessario presentare un documento d’identità e la tessera elettorale personale. Chi l’avesse smarrita o mai ricevuta, potrà richiederla al Comune di residenza, i cui uffici restano aperti nei cinque giorni antecedenti l’elezione almeno dalle ore 9 alle 19 e nel giorno della consultazione per tutta la durata delle operazioni di voto.

Facilitazioni per i disabili
Per i disabili sono previsti percorsi privi di barriere architettoniche. Vi è comunque la possibilità di recarsi in un seggio facilmente raggiungibile, indipendentemente dalla sezione in cui si è iscritti. I ciechi e gli invalidi impossibilitati a esprimere il proprio voto autonomamente possono essere accompagnati in cabina da una persona di loro fiducia.

Modalità di voto
Ad Aosta: una sola scheda per l’elezione del sindaco, del vice sindaco e del consiglio comunale, dove sono riportati in un apposito rettangolo i nomi dei candidati alla carica di sindaco e vice sindaco, accanto al simbolo della lista o delle liste collegate, oltre ad uno spazio per esprimere le preferenze per i candidati a consigliere.
Ogni elettore può esprimere il proprio voto segnando:

  • - i nominativi dei candidati a sindaco e vice sindaco: in questo caso, il voto vale per i soli aspiranti sindaco e vice sindaco;
  • - il simbolo della lista: il voto viene attribuito sia alla lista che ai candidati alla carica di sindaco e di vice sindaco cui essi sono collegati;
  • - un massimo di tre preferenze, scelte da una sola lista, per i candidati alla carica di consigliere: la preferenza va indicata scrivendo il cognome e, nel caso di omonimie, il nome, la preferenza si può anche esprimere indicando il numero arabo (1, 2, 3, …) corrispondente al candidato prescelto.

Qualora nessun candidato alla carica di sindaco e di vice sindaco ottenga la maggioranza assoluta dei voti validi, si procede ad un secondo turno elettorale, che ha luogo la seconda domenica successiva a quella del primo. In questo caso, il ballottaggio si svolgerebbe domenica 6 giugno.

Negli altri Comuni: una sola scheda per l’elezione del sindaco, del vice sindaco e del consiglio comunale, dove sono riportati in un apposito rettangolo i nomi dei candidati alla carica di sindaco e vice sindaco, accanto al simbolo della lista collegata, oltre ad uno spazio per esprimere le preferenze per i candidati a consigliere.
Ogni elettore può esprimere il proprio voto segnando:

  • - i nominativi dei candidati a sindaco e vice sindaco;
  • - il simbolo della lista;

In entrambi i casi, il voto viene attribuito sia alla lista collegata che ai candidati alla carica di sindaco e di vice sindaco;

  • - inoltre, l’elettore può indicare: un massimo di tre preferenze per i candidati alla carica di consigliere: la preferenza va indicata scrivendo il cognome e, nel caso di omonimie, il nome, la preferenza si può anche esprimere indicando il numero arabo (1, 2, 3, …) corrispondente al candidato prescelto.

E’ proclamato eletto alla carica di sindaco il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti. Solo in caso di parità di voti si procede ad un turno di ballottaggio fra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti, da effettuarsi la seconda domenica successiva a quella del primo turno. In questo caso, il ballottaggio si svolgerebbe domenica 6 giugno.

Nei Comuni in cui è stata presentata una sola lista, l’elezione è valida se andrà a votare il 50% più uno degli elettori. I candidati a sindaco e vice sindaco risulteranno eletti se avranno ottenuto un numero di voti validi superiore al 50% dei votanti.

Le operazioni di scrutinio si svolgeranno a partire dalle ore 8 di lunedì 24 maggio prossimo.
Una sala stampa sarà allestita a Palazzo regionale, ad Aosta, con accesso consentito ai soli giornalisti accreditati, a partire dalle ore 8 di lunedì 24 maggio.

Contemporaneamente i risultati di questa tornata elettorale saranno resi pubblici tramite il sito internet www.regione.vda.it, oltre che esposti sotto i portici di Palazzo regionale.