Autorizzazione vivaistica e commercio vegetali

RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI PRODUZIONE COMMERCIO E IMPORTAZIONE DI VEGETALI E PRODOTTI VEGETALI (D.lgs 214/2005 e successive modificazioni e integrazioni e DM 26250 del 12/11/2009)

Le ditte che producono e commercializzano vegetali e prodotti vegetali devono possedere apposita autorizzazione rilasciata dall’ufficio servizi fitosanitari della struttura produzioni vegetali e servizi fitosanitari dell’Assessorato regionale agricoltura e risorse naturali  ai sensi dell'art. 19 del decreto legislativo n. 214/2005 (modificato e integrato con D.Lgs  n. 84/2012) e del DM 26250 del 12/11/2009.

SONO TENUTI A RICHIEDERE L'AUTORIZZAZIONE


a) i produttori di piante e dei relativi materiali di propagazione, (comprese le sementi) destinati alla vendita o comunque ad essere ceduti a terzi a qualunque titolo nonché le ditte che svolgono attività sementiera;

b) i commercianti all'ingrosso di piante e dei relativi materiali di propagazione, compresi i tuberi-seme, escluse le sementi se già confezionate ed etichettate da terzi;

c) gli importatori da paesi terzi dei vegetali, dei prodotti vegetali o altre voci di cui all'allegato V, parte B del D. Lgs 214/2005 e successive modificazioni e integrazioni, nonché delle sementi delle piante agrarie, orticole e forestali;

d) i produttori, i centri di raccolta collettivi, i centri di trasformazione, i commerciati che commercializzano all’ingrosso tuberi di Solanum tuberosum L.(patate) destinati al consumo o frutti di Citrus L., Fortunella Swingle, Poncirus Raf. e relativi ibridi situati nelle zone di produzione di detti vegetali;

e) i produttori e i commercianti all'ingrosso di legname di cui all'allegato V, parte A del D.Lgs 214/2005 e successive modificazioni e integrazioni;

f) i produttori e i commerciati di micelio fungino destinato alla produzione di funghi coltivati;

g) coloro che applicano il marchio di cui all’ISPM 15 della FAO.

 

SONO ESONERATI DAL POSSESSO DELL'AUTORIZZAZIONE


a) I commercianti al dettaglio che vendono vegetali e prodotti vegetali a persone non professionalmente impegnate nella produzione dei vegetali;

b) I produttori di patate da consumo e di agrumi che conferiscono l’intera produzione a centri di raccolta autorizzati o ai commercianti all’ingrosso autorizzati oppure che cedono direttamente ad utilizzatori finali;

 

ISCRIZIONE AL REGISTRO UFFICIALE DEI PRODUTTORI (RUP)

Le ditte autorizzate ai sensi dell’articolo 19  devono essere iscritte al Registro Ufficiale dei Produttori (RUP) salvo coloro che applicano il marchio ISPM 15 della FAO.

Sono esonerati dall’iscrizione al RUP anche i “piccoli produttori” cioè coloro che producono e vendono vegetali e prodotti vegetali che nella loro totalità  sono destinati come impiego finale al mercato locale a persone o acquirenti non professionalmente impegnati nella produzione di vegetali e coloro che introducono occasionalmente o per documentati motivi nel territorio della Repubblica italiana piccoli quantitativi di vegetali o prodotti vegetali ed altre voci di cui all’allegato V parte B del D. Lgs. 214/2005 e successive modificazioni e integrazioni.

 

MODALITÀ DI RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI

Per ottenere l’autorizzazione all’esercizio dell’attività di produzione, commercializzazione e/o di importazione da Paesi terzi dei vegetali e dei prodotti vegetali prevista dall’articolo 19 del D. Lgs. 214/2005 e successive modificazioni e integrazioni e da decisioni della Commissione europea adottate si sensi della direttiva 2000/29/CE è necessario presentare apposita domanda in bollo all’ufficio servizi fitosanitari dell’Assessorato regionale agricoltura e risorse naturali – struttura  produzioni  vegetali e servizi fitosanitari – ufficio servizi fitosanitari.

La domanda deve pervenire all’ufficio competente prima dell’inizio dell’attività, utilizzando la modulistica adeguata al tipo di richiesta, scaricabile in questa pagina web.

Il rilascio dell’autorizzazione per la produzione e il commercio di vegetali e prodotti vegetali prevista dall’articolo 19 del D.Lgs 214/2005  e successive modificazioni e integrazioni è subordinata al pagamento della tariffa fitosanitaria di cui all’articolo 55 del D. lgs. 214/2005 e successive modificazioni e integrazioni.

Sono esonerati dall’iscrizione al RUP i “piccoli produttori” a condizione che presentino all’ufficio servizi fitosanitari una dichiarazione attestante il possesso di tale requisito. La richiesta di autorizzazione per i “piccoli produttori” deve essere presentata utilizzando il Modello A; scaricabile su questo sito web.

I soggetti che intendono produrre o commercializzare i prodotti di cui all’allegato V parte A o che intendono importare prodotti di cui all’allegato V parte B del D.Lgs 214/2005 e successive modificazioni e integrazioni, unitamente alla richiesta di rilascio dell’autorizzazione  di cui sopra, debbono presentare la richiesta d’iscrizione al Registro ufficiale dei produttori (RUP)  utilizzando apposita modulistica scaricabile su questo sito web Modello B.

I soggetti che producono e che commercializzano al di fuori del mercato locale o a persone impegnate professionalmente nella produzione di vegetali o che importano i vegetali e i prodotti vegetali elencati nell’allegato V parte A sezione I del D. Lgs 214/2005 e successive modificazioni e integrazioni devono iscriversi o al RUP e richiedere all’ufficio servizi fitosanitari della Valle d’Aosta  apposita l’autorizzazione  all’emissione del passaporto delle piante  (ovvero il documento che deve accompagnare obbligatoriamente i vegetali e prodotti vegetali di cui sopra per permetterne la circolazione sul territorio CE).

La richiesta di autorizzazione, ai sensi dell’art. 19 D. Lgs 214/2005 e successive modificazioni e integrazioni, di iscrizione al RUP e di autorizzazione al rilascio del passaporto delle piante  deve essere inoltrata utilizzando il Modello C scaricabile su questo dito web.

 

ACCREDITAMENTO  E AUTORIZZAZIONE SEMENTIERA

Ad esclusione delle categoria di “piccolo produttore”, le ditte che intendono produrre o commercializzare piante da frutto o piante ornamentali, o piante ortive, o micelio fungino o che intendono produrre semi, devono richiedere inoltre:

1)      L’accreditamento per la commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante da frutto e delle piantine di ortaggi di cui ai DD.MM. del 14/04/1997 e delle piantine ornamentali di cui al DM  9 agosto 2000;

2)      L’autorizzazione all’attività sementiera di cui all’articolo 2 della legge 25/11/1971 n. 1096 come modificato dal decreto legislativo n. 150/2007;

3)      L’accreditamento alla produzione e la commercializzazione di micelio fungino.

La domanda di accreditamento per la commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante da frutto e delle piantine di ortaggi di cui ai DD.MM. del 14/04/1997 e delle piantine ornamentali di cui al DM  9 agosto 2000 è già inserita nel modello C di cui sopra.

Le/e autorizzazione/i richieste, in uno o più documenti in bollo, sono rilasciate dall’ufficio servizi fitosanitari della Regione Autonoma Valle d’Aosta entro novanta giorni dalla presentazione della domanda, salvo interruzione motivata dei termini.

Il mantenimento delle autorizzazioni è subordinato all’effettivo esercizio dell’attività dichiarata.

Nel caso di cessata attività o revoca, la/le autorizzazione/i  devono essere restituite entro sessanta giorni all’ufficio servizi fitosanitari della Regione

 

REQUISITI

Le ditte che intendono richiedere l’autorizzazione ai sensi dell’art. 19 del D.lgs 1214/2005 e successive modificazioni e integrazioni devono:

  • possedere un fascicolo aziendale presso il SIAN validato da un CAA;
  • essere iscritte al registro delle imprese presso la camera valdostana, (con comunicazione antimafia):
  • possedere la partita IVA;
  • possedere strutture e attrezzature necessarie per l’esercizio dell’attività come specificati nell’articolo n. 5 del DM 26250 del 12/11//2009;
  • dimostrare che il titolare o una figura tecnica operante in modo continuativo presso l’azienda stessa, è in possesso di adeguate conoscenze sulle normative fitosanitarie e di qualità riguardanti le categorie di vegetali per le quali viene richiesta l’autorizzazione alla produzione. Tali conoscenze si intendono acquisite se il titolare  (o la figura tecnica incaricata):
  1.  è in possesso di laurea o diploma in ambito agrario o forestale;

oppure

  1. se il titolare (o la figura tecnica incaricata) ha frequentato con esito favorevole un apposto corso di formazione il cui programma sia stato approvato dal servizio fitosanitario competente per territorio;

oppure

  1. se il titolare (o la figura tecnica incaricata) ha superato con esito favorevole un colloquio presso il servizio fitosanitario competente per territorio volto a verificare le suddette conoscenze (tale colloquio viene sostenuto nel periodo in cui si svolge l’istruttoria).

   

 La pagina è in fase si allestimento; i modelli B e C saranno disponibili prossimamente    

 

Pour les agriculteurs



Retour en haut