Prelievo campione e conferimento in laboratorio

Il campionamento Ŕ molto importante perchÚ deve risultare rappresentativo di tutta la partita prodotta.

Riportiamo una parte della procedura emessa dal laboratorio (POSAG038) relativa al prelevamento dei campioni:

"A fine maturazione e non prima di due settimane dalla smelatura si pu˛ procedere al prelevamento del campione da analizzare operando come segue:

a) operare in condizioni di pulizia ambientale e personale;

b) estrarre, tramite il rubinetto a taglio posto sul fondo del maturatore, almeno un chilogrammo di miele per liberare il condotto del rubinetto da miele eventualmente non miscelato cosý da effettuare un prelevamento corretto e rappresentativo della massa a suo tempo miscelata che tale Ŕ rimasta nel periodo considerato grazie alla caratteristica viscositÓ del miele;

c) prelevare la quantitÓ di miele necessaria all'analisi in un barattolo di vetro con chiusura ermetica a vite, ben lavato ed asciugato (possibilmente sterile) appena aperto e di capacitÓ tra i 250 ed i 500 ml.

Si eviti il trasporto dei campioni in condizioni di temperatura superiore a quella stabilita per la conservazione del campione (max 30░C) per evitare alterazioni del prodotto."

Il campione deve essere accompagnato dalla scheda di prelievo (MOD-MI06, pu˛ essere compilata anche al momento del conferimento al laboratorio), ed identificato con un'etichetta adesiva.

Il campione pu˛ essere conferito dall'apicoltore direttamente al laboratorio oppure al Consorzio, che provvederÓ a farlo pervenire al laboratorio.

La segreteria del laboratorio registra il campione e lo invia all'UnitÓ Analitica Miele dove vengono determinati i parametri richiesti.

 



Torna su